‘La vita che sognavo da bambina’: Gloria Satta

Racconti di cinema di critici e giornalisti italiani, dal 30 agosto al 9 settembre: Mereghetti, Delli Colli, Canova, Detassis, Gallo, Satta


La vita che sognavo da bambina/o è una rubrica che nasce con la curiosità e l’intento di far raccontare in prima persona, a critici e giornalisti italiani, il mestiere, spesso cominciato per passione e poi costruito conoscendo e raffinando gli strumenti della professione, costellata di aneddoti. Per la durata della Mostra di Venezia 2023, dal 30 agosto al 9 settembre, a giorni alterni, vi proponiamo 6 intervistePaolo Mereghetti (30 agosto), Laura Delli Colli (1 settembre), Gianni Canova (3 settembre), Piera Detassis (5 settembre), Francesco Gallo (7 settembre), Gloria Satta (9 settembre); a cura di Nicole Bianchi. 

Per Gloria Satta tutto è cominciato grazie a un nonno e a una zia. Dal 1975 è la firma di cinema del quotidiano “Il Messaggero”, prima donna a essere assunta in redazione e anche la prima capo redattrice, insignita nel 2015 dal presidente della Repubblica francese della Legion D’Onore per Meriti Giornalistici. Indimenticabile per lei l’intervista “rubata” a Woody Allen

Seguono: Gloria Satta – highlight e intervista integrale

Gloria Satta – highlight (durata 10′): 

 

Gloria Satta – intervista integrale:

,
09 Settembre 2023

Ultimi video