Joe Wright: “Marinelli è l’attore più dotato che abbia mai incontrato”

Su “The Hollywood Reporter” è uscito un lungo approfondimento su M. Il figlio del secolo, la serie che Joe Wright sta dirigendo negli studi di Cinecittà da oltre 90 giorni insieme a Luca Marinelli


Su “The Hollywood Reporter” è uscito un lungo approfondimento ad opera di Gianmaria Tammaro su M. Il figlio del secolo, la serie tratta dal romanzo di Antonio Scurati diretta dal regista Joe Wright e prodotta da Sky Studios e The Apartment Pictures di Lorenzo Mieli, di proprietà di Fremantle, in collaborazione con Pathé e Small Forward. La serie di otto episodi è in lavorazione da oltre 90 giorni (la più lunga produzione a cui abbia mai lavorato Wright) negli studi di Cinecittà, dove sono stati ricreati interi quartieri, camere d’albergo e redazioni in stile anni ’20.

M. Il figlio del secolo racconta la storia del giovane Mussolini, interpretato da Luca Marinelli: “La mia prima reazione quando mi è stato offerto questo ruolo è stata quella di scappare, – ammette l’attore – Prima di iniziare le riprese, mi stavo ca*ando sotto. Non vogliamo affatto celebrare Mussolini; vogliamo solo raccontare la sua storia e chi era, a modo nostro, secondo la visione di Joe. Tutti gli aggettivi usati per descrivere Mussolini mettono una distanza tra noi e lui. Dobbiamo capire che ha deciso di fare quello che ha fatto, che ha seguito questa strada e che è sempre stato consapevole di quello che faceva. Joe è un maestro e ho imparato molto da lui. Come la devozione a questa professione. Guardarlo al lavoro è stato come guardare un artista al lavoro”.

Da parte sua, Wright definisce Marinelli “l’attore più naturalmente dotato che abbia mai incontrato” insieme a Gary Oldman, che ha diretto in L’ora più buia. “Luca ha sempre fatto tutto quello che gli ho chiesto, e a volte anche di più. Sono sopraffatto da quello che fa e rimango incollato allo schermo”. “Sento di avere una responsabilità – continua Wright – Sono consapevole della portata di questa storia. Soprattutto perché si tratta di personaggi che non sono stati analizzati molto. Il fascismo non è un tema esclusivo dell’Italia. È ovunque, e questo è davvero terrificante. Quello è il problema.”

“Volevamo creare qualcosa di pericoloso e divisivo, proprio come il tema e il personaggio in questione – aggiunge Lorenzo Mieli – Mussolini aveva questa incredibile capacità di affascinare. Era carismatico. E abbiamo deciso di puntare proprio su questo aspetto, senza giri di parole. Stiamo raccontando una storia vera. Ma per noi era importante che le persone potessero capire questo personaggio e il suo carisma. Mussolini, in un certo senso, è simile a un attore”.

“Abbiamo opzionato il libro circa tre anni fa – continua Mieli – quindi abbiamo avuto molto tempo per dare forma a questo progetto. Il libro è stato molto importante per noi perché ci ha offerto informazioni essenziali e una documentazione dettagliata di quegli anni. Tuttavia, è anche un romanzo che cerca di spiegare cosa ha fatto quest’uomo, dalla creazione del populismo al fascismo stesso. Che è qualcosa con cui abbiamo ancora a che fare oggi”.

C.DA
17 Aprile 2023

Serie

Serie

‘Bridgerton’, alla scoperta della terza stagione nel trailer

La nuova stagione della serie Netflix sarà divisa in due parti disponibili rispettivamente dal 16 maggio 2024 e dal 13 giugno 2024

Serie

‘Fallout’, tra western e sci-fi la serie è pronta a stupire

Arriva su Prime Video la serie tratta dall'omonima saga di videogiochi di stampo post-apocalittico. Nel cast Ella Purnell, Aaron Moten e Walton Goggins

Serie

‘Il Re’ è tornato. Zingaretti: “Non s’è parlato di terza stagione, ma il mio Bruno Testori non muore”

La seconda stagione del prison drama Sky Original, con Isabella Ragonese protagonista femminile, accanto a cui debuttano anche Thomas Trabacchi e Caterina Shula, riuniti per presentare la serie, su Sky e NOW dal 12 aprile

Serie

‘Il clandestino’, Edoardo Leo: “Il mio ispettore un burbero capace di empatia”

La nuova fiction Rai, in arrivo lunedì 8 aprile, è un crime comedy ambientata a Milano, dove i grandi temi del presente si manifestano sullo sfondo delle indagini di un ex ispettore dell'antiterrorismo


Ultimi aggiornamenti