Italia-Francia, al Rendez-Vous la tavola rotonda tra Istituzioni e professionisti

Un appuntamento, a porte chiuse, organizzato in sinergia da Unifrance, l’Ambasciata di Francia e Cinecittà per la DGCA-MiC, in cui i professionisti dell’audiovisivo italiano e francese hanno scambiato dati e informazioni, approfondito misure e strumenti adottati dai due paesi, indagato criticità e declinato strategie comuni


Si è svolta in queste ore la tavola rotonda annuale fra professionisti del settore presso l’Ambasciata di Francia in Italia in occasione della quattordicesima edizione della rassegna di cinema francese Rendez-Vous. Un appuntamento, a porte chiuse, organizzato in sinergia da Unifrance, l’Ambasciata di Francia e Cinecittà per la DGCA-MiC, in cui i professionisti dell’audiovisivo italiano e francese hanno scambiato dati e informazioni, approfondito misure e strumenti adottati dai due paesi, indagato criticità e declinato strategie comuni.

In apertura dei lavori, Martin Briens, Ambasciatore di Francia in Italia, ha dato il benvenuto agli ospiti presenti ricordando che la Francia e l’Italia sono da molti decenni i principali partner rispettivi in termini di produzione. Nel 2023, su 144 coproduzioni internazionali realizzate in Francia, 27 sono state realizzate con l’Italia: ha citato, a titolo di esempio, Linda veut du poulet! (Linda e il pollo) di Sébastien Laudenbach e Chiara Malta, celebrati ai César dopo la vittoria ad Annecy lo scorso giugno, o Il sol dell’avvenire, di Nanni Moretti. Infine, ha sottolineato quanto questi incontri permettano di mantenere le coproduzioni a un livello molto elevato, con progetti ambiziosi costruiti su racconti condivisi e sulla volontà di Francia e Italia di rivolgersi a un pubblico comune. Con lui Daniela Elstner, Direttrice Generale di Unifrance, e Roberto Stabile, Responsabile dei Progetti Speciali della DGCA del MiC presso Cinecittà hanno introdotto le rispettive delegazioni e annunciato i prossimi appuntamenti.

Roberto Stabile ha sottolineato come questo appuntamento si inserisca nel solco di una lunga tradizione di collaborazione tra la Francia e l’Italia e rispecchi il momento di grande collaborazione anche a livello istituzionale. Infatti, la DGCA del MIC sta operando di concerto con CNC e Unifrance per lo sviluppo di coproduzioni e per incrementare la distribuzione di film italiani in Francia, con una continuità programmatica che si sussegue da Roma a Parigi, da Cannes a Venezia, con l’obiettivo di favorire occasioni di incontro e scambio tra i professionisti dei due paesi e mantenere il contatto tra le due industrie durante tutto l’anno.

Daniela Elstner ha anche ricordato che l’Italia è il quarto mercato mondiale per il cinema francese nel 2023 (primo nel 2018 e nel 2019) e il secondo in termini di coproduzioni internazionali. Anatomia di una caduta (300.000 presenze), Emma e il giaguaro nero (250.000 presenze), Jeanne du Barry (280.000 presenze), Dogman (200.000 presenze) e Viaggio in Giappone (50.000 presenze) sono solo alcuni dei recenti eclettici successi del cinema francese in Italia. Ha altresì richiamato la continua e forte presenza francese a Roma/Festa del Cinema e a Venezia (con i prestigiosi riconoscimenti per le registe Audrey Diwan, Leone d’Oro, e Alice Diop, che ha recentemente vinto il Leone d’Argento), così come nei numerosi festival che il Paese ha da offrire. Ha inoltre sottolineato i fortissimi legami con Cinecittà, con la quale negli ultimi 5 anni si sono moltiplicate le collaborazioni.

Quest’anno, le tematiche trattate hanno spaziato dalle politiche e strategie per il rilancio delle sale, alle modalità di distribuzione, dalla produzione con e per le piattaforme, all’incremento qualitativo delle coproduzioni tra Italia e Francia. L’evento si inserisce nel quadro delle collaborazioni sempre più strette tra le istituzioni dei due Paesi, volte a favorire gli scambi tra i professionisti dell’audiovisivo e lo sviluppo di politiche comuni. L’elevato numero di coproduzioni franco-italiane e la volontà di avviare strategie condivise da parte dei presenti sono state un’ulteriore riprova della vicinanza tra Francia e Italia.

Sono intervenuti da parte francese: Sophie Loyrette – CNC; Fabrice Goldstein – Karé; Alexandre Gavras – KG; Alice Bloch – Marianne Productions; Carole Lambert – Windy Productions; Mathieu Verhaeghe – Atelier de Production; Marc Missonnier – Moana Films, UPC; Céline Chapdaniel – Koro Films; Olivier Delbosc – Curiosa; da parte italiana: Carlotta Calori – Indigo; Francesca Cualbu – Grøenlandia; Luigi Lonigro – 01 Distribution; Federica Lucisano – Italian International Film; Davide Novelli – CINETEL; Andrea Occhipinti – Lucky Red.

04 Aprile 2024

Rendez-Vous 2024

Rendez-Vous 2024

Deneuve è Bernadette Chirac: “Una commedia sulla premiere dame”

Catherine Deneuve è la protagonista del film La moglie del presidente, ispirato alla figura di Bernadette Chirac che ha concluso Rendez-Vous, il festival del cinema francese che si è svolto a Roma

Rendez-Vous 2024

Virginie Efira: “Qualcuno volò sul nido del cuculo, importante per il mio ruolo in Niente da perdere’

L’opera prima di Delphine Deloget, in anteprima nazionale a Rendez-Vous, Roma. L’incontro con l’attrice, sullo schermo con una madre coraggio messa alla prova delle meccaniche stritolanti della giustizia e della società; al cinema dal 1 maggio con Wanted Cinema

Rendez-Vous 2024

‘Ritratto di un amore’. Cécile de France recita l’affinità elettiva

L’intervista a Martin Provost, che presenta la storia d’amore e d’arte di Pierre e Marthe Bonnard, film di apertura di Rendez-Vous 2024, con Vincent Macaigne nel ruolo del pittore; dal 16 maggio nei cinema italiani

Rendez-Vous 2024

‘Rendez-vous’, l’ospite d’onore è Catherine Deneuve

Da domani al 7 aprile torna in Italia il festival dedicato al cinema francese: si parte dal cinema Nuovo Sacher di Roma


Ultimi aggiornamenti