Irish Film Festa: master class dell’attore John Lynch

27/31 marzo alla Casa del Cinema di Roma​ il festival dedicato al cinema e alla cultura irlandese. Ospiti gli attori Moe Dunford, Dara Devaney, Lorcan Cranitch, i registi Ryan Tohill, Frank Berry


La 12a edizione dell’Irish Film Festa, il festival interamente dedicato al cinema e alla cultura irlandese si terrà dal 27 al 31 marzo, come di consueto alla Casa del Cinema di Roma. Ospite d’onore di IFF sarà l’attore nordirlandese John Lynch (Nel nome del padre, Best, The Fall – Caccia al serial killer, Tin Star) che incontrerà il pubblico sabato 30 marzo alle 18.00 con, a seguire, la proiezione del film Angel Baby. John Lynch sarà anche protagonista di una masterclass di recitazione.

Mercoledì 27 marzo, il film d’apertura alle ore 20.00 in sala DeLuxe, sarà The Drummer and the Keeper di Nick Kelly. Giovedì 28 marzo al via il concorso cortometraggi dalle ore 17.00 in sala DeLuxe, mentre l’evento clou sarà l’incontro con Karl Geary, attore e scrittore, che per la sezione IFFbooks presenterà il suo romanzo d’esordio, “Montpelier Parade” (in Italia con Playground Libri / Fandango Editore). L’appuntamento è in sala Volontè alle ore 19.00 a ingresso libero.

Venerdì 29 marzo, mentre continueranno le proiezioni e le anteprime dei film, IFF punterà la propria attenzione sul cinema del reale proponendo il panel Isle of Docs – L’ascesa del documentario nel New Irish Cinema, dalle 19.00 alle 20.30 in sala DeLuxe, con la partecipazione di Brendan J. Byrne, Seán Murray e Frank Berry. Il documentario in Irlanda è in indubbia espansione, con opere forti nei contenuti e originali nelle loro molte, varie forme. IFF ne propone alcuni esempi come The Lonely Battle of Thomas Reid (28 marzo ore 19.00 sala DeLuxe) e Unquiet Graves (29 marzo ore 17.00 sala DeLuxe). Un focus che culminerà con il panel Isle of Docs (29 marzo ore 19.00 – 20.30 in sala DeLuxe) che prenderà spunto dalla proiezione di Hear My Voice di Brendan J. Byrne, un doc di 23 minuti a proposito di Nord Irlanda. Modererà la direttrice Susanna Pellis. La partecipazione è gratuita. Per info irishfilmfesta@gmail.com

Sabato 30 marzo, gli appuntamenti della giornata inizieranno alle 15.30 con la proiezione di Lamb (1985) per l’omaggio “Irish Classic”, quest’anno dedicato all’attore e regista Hugh O’Conor, che porta a Roma anche una mostra di fotografie realizzate proprio da lui. Ultima proiezione della giornata con l’anteprima italiana del campione d’incassi Black ’47, introdotto da Dara Devaney e dall’attore Moe Dunford.

Domenica 31 marzo, grande protagonista sarà nuovamente Hugh O’Conor, che presenterà il suo esordio alla regia Metal Heart (ore 15.30 Sala DeLuxe) insieme all’attore Moe Dunford. Sarà poi la volta di The Dig,  l’intenso thriller vincitore del “Best Irish Film” al festival Galway Film Fleadh 2018. La proiezione sarà alle 18.00 in sala DeLuxe e sarà seguita dal Q&A con il regista Ryan Tohill e i protagonisti Moe Dunford e Lorcan Cranitch. La serata si concluderà con la premiazione del concorso cortometraggi e dell’evento di chiusura, affidato a Derry Girls, la divertente serie scritta da Lisa McGee e diretta da Michael Lennox, ambientata in Irlanda del Nord nel periodo dei Troubles e andata in onda con grande successo su Channel 4.

Il programma completo con le schede dei film (in lingua originale con sottotitoli in italiano) è consultabile sul sito del festival www.irishfilmfesta.org

ssr
22 Marzo 2019

Festival

Festival

Lino Banfi: “Oronzo Canà e nonno Libero potrebbero tornare”

Al Milazzo Film Festival, dove ha ritirato ’Excellence acting award, l’attore è stato accolto da un pubblico numeroso e festante

Festival

Michele Riondino: “Farò ancora il regista, ho tante storie da raccontare”

Reduce dal successo della sua opera prima Palazzina Laf, Michele Riondino ha ritirato l’Acting award del Milazzo Film Festival

Festival

Fabrizio Bentivoglio, attore “invisibile” nel solco di De Niro

Il celebre interprete ha letto in anteprima assoluta al Milazzo Film Festival il suo Piccolo almanacco dell'attore, in cui ripercorre la sua carriera con l'intento di dare buoni consigli ai più giovani

Festival

Manfredi Lucibello: “Il thriller ci fa trovare la luce dietro l’oscurità”

L'opera seconda del regista, Non riattaccare, con Barbara Ronchi e Claudio Santamaria, è stata presentata al Milazzo Film Festival


Ultimi aggiornamenti