In sala i salti di Super Mario e quelli di “Air” Jordan

Si prospetta un weekend cinematografico agguerrito con Super Mario Bros. Il film, Air - La storia del grande salto, I tre moschettieri - D'Artagnan


Si prospetta un weekend cinematografico molto movimentato con l’arrivo di almeno tre titoli di grande richiamo che potrebbero contendere i primi posti a Dungeons & Dragons e John Wick 4, i dominatori del box office della scorsa settimana. Su tutti, lo sfidante più accanito è certamente Super Mario Bros. Il film, il primo lungometraggio d’animazione dedicato all’iconico personaggio, per molti sinonimo di “videogioco”. L’idraulico baffuto, doppiato in originale da Chris Pratt e in italiano da Claudio Santamaria, potrebbe portare in sala – già da oggi, 5 aprile – le famiglie attratte dallo stile d’animazione giocoso e colorato tipico di Nintendo, oltre che i milioni di appassionati che negli ultimi 40 anni hanno apprezzato almeno una delle numerose iterazioni del videogioco.

Ma in termini di fandom non scherza neppure Air – La storia del grande salto, il film diretto e interpretato da Ben Affleck – al fianco di Matt Damon e Viola Davis, per un trittico da Oscar – che racconta la storia della collaborazione tra il giovane Michael Jordan e la Nike. Un accordo che cambiò per sempre il mondo dello sport, delle sponsorizzazioni e del branding.

Infine, dalla Francia viene I tre moschettieri – D’Artagnan di Martin Bourboulon, primo capitolo di un’ambiziosa produzione che vuole riproporre sul grande schermo per l’ennesima volta il celebre romanzo di Dumas. Ad attirare il pubblico non sarà solo l’avvincente avventura di cappa e spada che tutti conosciamo, ma anche un cast di divi internazionali capeggiato da Eva Green, Vincent Cassell e Louis Garrel.

Proveranno a barcamenarsi in questo stuolo di colossal alcuni film provenienti direttamente dai principali festival europei. A partire dall’italiano Mia di Ivano De Matteo, dramma familiare con Edoardo Leo, Milena Mancini e Greta Gasbarri presentato all’ultimo Bif&est; c’è poi il “veneziano” L’appuntamento, la nuova brillante opera della macedone Teona Strugar Mitevska, già regista dell’acclamato Dio è donna e si chiama Petrunya; provengono dall’ultimo Festival di Cannes, infine, La Cospirazione del Cairo (Boy from Heaven) dello svedese Tarik Saleh, vincitore del premio alla miglior sceneggiatura proprio sulla Croisette, e Leila e i suoi fratelli, intensa critica della società iraniana diretta da Saeed Roustayi.

Da non dimenticare anche l’uscita del film vincitore dell’ultimo Nastro d’argento al Miglior documentario, La generazione perduta di Marco Turco, distribuito da Luce Cinecittà a partire dal 4 aprile. Presentato all’ultimo Festival di Torino, il doc ripercorre la vicenda umana e professionale del giornalista Carlo Rivolta, finito nel vortice della dipendenza dall’eroina nell’Italia degli anni ’70, quando questa droga rappresentava una vera e propria piaga giovanile.

autore
05 Aprile 2023

Uscite

Uscite

“Glicked” come “Barbenheimer”?

È Paul Mescal a coniare la nuova parola composta, alla notizia che Il Gladiatore 2 e Wicked usciranno nella stessa data: “Magari la cosa potesse avere l’effetto che ha avuto per Barbie e Oppenheimer!”

Uscite

‘Pericolosamente vicini’, a chi appartiene la natura?

Il problema della convivenza tra l'uomo e l'orso in Trentino e dalle Alpi in un interessante documentario di Andreas Pichler. In sala con Wanted il 26, 27 e 28 agosto

play
Uscite

‘Cattivissimo Me 4’. Un’avventura e una festa con al centro la paternità

Il film, diretto da Chris Renaud, è il quarto capitolo della celebre saga animata

Uscite

‘Celebrity Wines’, alla corte delle star che producono vino: da Sting a Cracco

Esmeralda Spadea accompagna in un viaggio alla scoperta della cultura vitivinicola, attraverso i racconti di alcune celebrità che hanno scelto l’Italia come cornice per la loro produzione: le cantine di Al Bano, Trudie Styler, GianMarco Tognazzi, Ronn Moss. Nelle sale italiane il 15, 16 e 17 luglio


Ultimi aggiornamenti