Il male si risveglia, stavolta in un appartamento

Esce con Warner La casa - Il risveglio del male, nuovo tentativo di reboot del franchise che sposta l'azione dai boschi abbandonati a un condominio fatiscente


In principio, La casa – Il risveglio del male, al cinema con Warner, sembra seguire lo stesso stile dei film da cui prende il titolo, e intendiamo quello originale, Evil Dead, da non confondersi con la marea di ‘Case’ imitatorie e spesso prodotte in Italia che hanno affollato le sale negli anni ’80 sull’onda del successo del film di Sam Raimi.

La prima scena è esplosiva e violenta, e si svolge in un’ambientazione tipica di baite e case nel bosco, fitte foreste, e natura oscura. Tuttavia, presto si passa ad una collocazione urbana, in cui gli eventi orrorifici si ispirano ai linguaggi dello zombie movie, dell’home invasion, dello slasher, dell’horror a tema esorcismo, e del film d’assedio.

Il tutto trasportato in un luogo evocativo e angosciante, ma in questo caso è un palazzo decadente, abitato solo da poche famiglie ormai costrette ad abbandonarlo. Una di queste famiglie è quella di Ellie (interpretata da Alyssa Sutherland), una madre single di tre figli piccoli: Danny (Morgan Davies), Bridget (Gabrielle Echols) e Kassie (Nell Fisher).

Quando la sorella minore Beth (Lily Sullivan), una groupie incinta e indecisa sul proprio futuro, arriva inaspettatamente in visita, Ellie si trova ad affrontare la furia spietata di un demone risvegliato da un libro misterioso e pericoloso, e da un vinile dal contenuto maledetto, trovati dal figlio Danny in una voragine aperta nel parcheggio sotterraneo del palazzo a seguito di un terremoto.

Lee Cronin – notato da Raimi e da Bruce Campbell, interprete della serie originale, qui entrambi in veste di produttori, per aver diretto nel 2019 The Hole – L’abisso – fa divertire lo spettatore con un prodotto horror estremamente curato, pop e retrò, che si rifà a tutta una serie di espedienti consolidati, a partire dalla leggendaria “Shaky Cam” inventata proprio da Raimi, fino ad un gusto esageratamente feroce e riuscito per il body horror e lo splatter. E’ un vero e proprio bagno di sangue, con riferimenti, forse, anche al nuovo horror francese di Laugier, Aja, Jens, Bustillo e Maury.

E’ sicuramente ben confezionato, però i punti da segnalare si limitano al cambio di ambientazione, a una particolare attenzione al femminile e alla scelta di un’ironia grottesca “per eccesso” vicina al capostipite, poi defluita nel comedy horror più puro e di successo dei seguiti La Casa 2 e L’armata delle tenebre, così come nella serie televisiva Ash vs. Evil Dead.

E naturalmente, manca la presenza di Ash, il protagonista dei precedenti film, che avrebbe potuto dare un valore aggiunto al tutto.

Andrea Guglielmino
19 Aprile 2023

Berlino 2024

‘Dahomey’, Mati Diop e l’arte che sconvolge il mondo: “Non sottovalutiamo il cinema”

Con questo mockumentary dedicato al rientro in Benin di 26 delle migliaia di opere depredate dall'imperialismo francese, la regista francese di origini senegalesi ha conquistato l'Orso d'oro della Berlinale 2024

Bruno Dumont
Berlino 2024

Premiato il cinema più radicale, tra venti di guerra e impegno

La giuria di Lupita Nyong'o ha vissuto discussioni animate, "ma nel rispetto delle opinioni di tutti e arrivando a una decisione unanime"

Berlino 2024

‘Dahomey’ di Mati Diop è l’Orso d’oro della Berlinale 2024

Sebastian Stan premiato per la miglior interpretazione per A different man. A Hong Sang-soo il gran premio della giuria (il secondo a distanza di soli due anni)

Berlino 2024

A ‘Memories of a burning body’ il premio del pubblico di Panorama

Gli spettatori hanno votato come miglior documentario No other land, del collettivo di registi israeliani e palestinesi Basel Adra, Hamdan Ballal, Yuval Abraham e Rachel Szor


Ultimi aggiornamenti