I nuovi moschettieri in arrivo il 6 aprile, ma i primi furono italiani

Arriva con Notorius Pictures una nuova versione del romanzo di Dumas, prodotta in Francia. Nel cast Vincent Cassel, Eva Green e Louis Garrel


Curiosità: il primo adattamento cinematografico di cui si abbia traccia del romanzo ‘I tre moschettieri’ di Alexandre Dumas è italiano: si tratta di un cortometraggio di Mario Cesarini, del 1909.

Poi ne sono arrivati a cascata: ricordiamo in particolare quello di Richard Lester del 1973, con Raquel Welch nei panni di Milady e Jean-Pierre Cassel in quello del re, la versione del 1993 di Stephen Herek, produzione Disney, con un grande cast (Charlie Sheen, Kiefer Sutherland, Chris O’Donnell e Tim Curry tra gli altri) e guidato dalle note della canzone ‘All for Love‘ interpretata da Bryan Adams, Sting e Rod Stewart, poi La maschera di ferro (1998), con Leonardo di Caprio e Gérard Depardieu, e ancora la versione steampunk di Paul W. S. Anderson del 2011 e quella fantasiosa e quasi parodistica di Giovanni Veronesi (2018) con Favino, Papaleo e Mastandrea.

Ora ne sta arrivando un altro, direttamente dalla Francia, il che dovrebbe essere garanzia di qualità: si gioca in casa.

Diretto da Martin Bourboulon (Eiffel, Papa ou Maman e Papa ou Maman 2), I tre moschettieri – D’Artagnan è il primo dei due film girati ‘back to back’(I tre moschettieri – Milady arriverà a dicembre) ed è interpretato da Eva Green, Vincent Cassel (che in qualche modo rappresenta una sorta di eredità) e Louis Garrel nei ruoli principali di Milady de Winter, Athos e Re Luigi XIII, rispettivamente.

E’ in sala dal 6 aprile con Notorius Pictures e segue abbastanza fedelmente la trama nota a tutti colorandola di azione, avventura e combattimenti a tratti spettacolari a tratti innovativi e sperimentali.

Il giovane e intraprendente D’Artagnan, interpretato da François Civil, si unirà ai tre Moschettieri del Re, Porthos (Pio Marmaï), Aramis (Romain Duris) e Athos (Cassel), per contrastare le macchinazioni del Cardinale Richelieu e proteggere il futuro della Francia. Ma il pericolo è sempre dietro l’angolo, soprattutto quando D’Artagnan si innamora di Constance, confidente della Regina, e si mette in conflitto con Milady, la sua acerrima nemica.

Dice Bourboulon: “C’è un doppio piacere nell’affrontare qualcosa di tanto amato e familiare – come spettatore e come regista – che si scatena contemporaneamente. Come si fa a fare un film di cappa e spada nel 2023? Si trattava quindi di ricreare un contatto con questi grandi film d’avventura, che narravano di viaggi individuali e di Storia con la S maiuscola. Tutti ricordiamo la trama de ‘I tre moschettieri’, il senso dell’onore e della fratellanza che vi è raccontato, la grandiosità delle battaglie. Quando ripenso a ciò che questo romanzo rappresentava per me quando ero bambino, mi viene in mente qualcosa di grande. Non è un genere che si è rinnovato così frequentemente. Per questo c’era una certa responsabilità nel riprodurlo oggi. Alcuni temi, come il cameratismo e il tradimento, sono assolutamente senza tempo. Ma considero questo film anche come un grande film d’avventura. Volevo che fossimo sempre in contatto con i personaggi, che potessimo vivere le scene d’azione dal loro punto di vista, sempre con la massima immersività. Che lo spettatore fosse guidato più dalle emozioni e dalle reazioni dei personaggi che dall’azione stessa. Si è trattato di una sfida tecnica importante, ma che a mio avviso conferisce molto realismo e verità a queste scene”.

Ma ci sono anche delle trovate stilistiche, ad esempio in due scene, quando la regina è in trappola e quando Athos è tenuto prigioniero, in cui il combattimento è tenuto fuori dallo schermo: “In queste due sequenze – continua il regista – sperimentare la solitudine della regina, la paura o lo sgomento di Athos, mi è sembrato più importante e interessante che filmare l’azione stessa. La posta in gioco è alta a questo punto della storia e può cambiare il destino di questi due personaggi. Rimanere con loro, incollati ai loro punti di vista e in tempo reale, mi è sembrato più “giusto” in termini di messa in scena. Soprattutto perché, bloccati all’interno, non possono vedere ciò che accade 7 all’esterno. Inoltre, trovo sempre molto interessanti i fuori campo nei film. Ciò che non viene mostrato è spesso più forte e misterioso, aggiunge intensità alle scene. Ho voluto lavorare su questo principio della messa in scena per dare un aspetto formale più contemporaneo a questo nuovo adattamento”.

“Nell’immaginario collettivo – commenta invece Eva Green – Milady è malvagia, misteriosa, impavida, diabolica pronta a tutto per raggiungere i suoi scopi. Nel secondo film capiremo perché è diventata questa donna senza scrupoli. Scopriremo il suo tallone d’Achille e, quindi, una nuova Milady, che trovo più umana. È questo viaggio interiore che vediamo in questo adattamento e che mi ha fatto dire di sì a questo progetto. Milady è anche una guerriera. È forte e maneggia le armi come gli uomini. È un’eroina moderna, libera, indipendente, che prende in mano il proprio destino. Mi piace il fatto che sia un’anticonformista e che non si preoccupi delle convenzioni sociali. Le tre figure femminili, Milady, Constance e la regina, svolgono un ruolo centrale nella storia. Questo mi piace molto. Queste donne sono meno sottomesse rispetto al romanzo; tutte e tre hanno una maggiore struttura in questo adattamento”.

“Quando mi è stato offerto il ruolo del re – dichiara Garrel – la mia prima domanda è stata: chi interpreterà la regina? Quando ho scoperto che era Vicky Krieps, sono stato felicissimo, perché ho capito subito che saremmo riusciti a rappresentare una coppia. Poi mi sono concentrato su Luigi XIII. Ho letto la sua biografia scritta da Jean-Christian Petitfils, che è molto empatico con il personaggio e che si schiera contro Alexandre Dumas, contro il carattere presumibilmente docile del re e influenzato da Richelieu. Ho trovato questo libro entusiasmante. Ne ho tratto diversi elementi che mi hanno aiutato a sviluppare il personaggio”.

Chiude proprio Cassel, con un ricordo del lavoro del padre: “Naturalmente quando ero più giovane l’ho accompagnato sul set de I tre moschettieri di Lester, in cui interpretava Luigi XIII. Ricordo un set allucinante, e Michael York, Oliver Reed e altre grandi figure del cinema dell’epoca. La grandiosità del progetto mi aveva segnato, soprattutto perché ero un ragazzino”.

Andrea Guglielmino
30 Marzo 2023

Berlino 2024

‘Dahomey’, Mati Diop e l’arte che sconvolge il mondo: “Non sottovalutiamo il cinema”

Con questo mockumentary dedicato al rientro in Benin di 26 delle migliaia di opere depredate dall'imperialismo francese, la regista francese di origini senegalesi ha conquistato l'Orso d'oro della Berlinale 2024

Bruno Dumont
Berlino 2024

Premiato il cinema più radicale, tra venti di guerra e impegno

La giuria di Lupita Nyong'o ha vissuto discussioni animate, "ma nel rispetto delle opinioni di tutti e arrivando a una decisione unanime"

Berlino 2024

‘Dahomey’ di Mati Diop è l’Orso d’oro della Berlinale 2024

Sebastian Stan premiato per la miglior interpretazione per A different man. A Hong Sang-soo il gran premio della giuria (il secondo a distanza di soli due anni)

Berlino 2024

A ‘Memories of a burning body’ il premio del pubblico di Panorama

Gli spettatori hanno votato come miglior documentario No other land, del collettivo di registi israeliani e palestinesi Basel Adra, Hamdan Ballal, Yuval Abraham e Rachel Szor


Ultimi aggiornamenti