Ethan Hawke e la leggenda della musica country Blaze Foley

Presentato a Locarno il film sulla vita del cantautore country ucciso a quarant’anni


Locarno. È Blaze Foley, leggenda della musica country americana, il protagonista del nuovo film di Ethan HawkeBlaze. Il regista lo ha presentato in Piazza Grande dopo aver ricevuto dal Festival l’Excellence Award. “Erano anni che sognavo di girare questo film – spiega Hawke – ma non sapevo bene da dove partire. Poi ho letto il libro di Sybil Rosen, che con lui ha vissuto una storia d’amore travagliata e ho capito esattamente cosa dovevo fare. La stessa Sybil ha partecipato alla stesura della sceneggiatura e ha dato al film un contributo fondamentale. Il suo diario mi ha permesso di strutturare una mappa esatta della vita di Blaze e di ciò che volevo raccontare. Nel film passato, presente e futuro si mescolano continuamente anche se i ‘capitoli’ in cui è suddiviso sono fondamentalmente tre: uno riguarda l’ultima notte della sua vita. Un altro la sua relazione tempestosa con Sybil Rosen, Il terzo, il rapporto di Foley con la musica e i  musicisti”.

E proprio per non fare un film esclusivamente sulla musica, ma per “comprendere a fondo chi la musica la fa di mestiere” Hawke ha chiesto ad un musicista di interpretare il ruolo di Blaze. Si tratta di Ben Dickey, che interpreta dal vivo le canzoni di Foley e che anche fisicamente ricorda il musicista scomparso. “Con Ben siamo andati insieme alla scoperta di un personaggio di cui anche mentre giravamo abbiamo continuato ad apprendere dettagli e sfumature. Per questo ruolo non volevo solo qualcuno che conoscesse la musica di Blaze e che suonasse davvero. Volevo anche qualcuno che non provasse l’imbarazzo che solitamente provano i giovani attori davanti alla macchina da presa. Ben questa soggezione non l’ha avuta, perché con il direttore della fotografia, Steve Cosens, abbiamo vissuto insieme tutta la preparazione del film. Siamo andati in giro per settimane nei locali della Louisiana alla ricerca dei posti giusti in cui girare, e così quando si è trattato di fare il primo ciak Ben e Steve si conoscevano talmente bene che è successo tutto con estrema naturalezza”.

E per Ethan Hawke questo film va ben oltre il solito biopic: “Con Blaze non volevo parlare solo di un personaggio, ma di quella fiamma che brucia dentro ognuno di noi. Di quell’energia che ci fa fare cose che talvolta crediamo impossibili. Perché ognuno di noi ha qualcosa per cui lottare. Ed è questo che in fondo ci rende immortali. Parlare di Foley, raccontare chi era, significa anche affermare il valore della vita bohémienne, che a sua volta esprime altri valori che per me sono importantissimi. E questo perché vorrei che la bandiera americana tornasse ad essere il simbolo della libertà, l’emblema di un popolo che ha sempre odiato imposizioni e oppressioni”.

08 Agosto 2018

Locarno 2018

Locarno 2018

Lili Hinstin, nuova direttrice artistica del Locarno Festival

Lili Hinstin entrerà in carica al 1° dicembre 2018, succedendo a Carlo Chatrian, che ha lasciato il Festival svizzero per assumere la direzione artistica della Berlinale. Nata a Parigi nel 1977, è stata responsabile delle attività cinematografiche dell’Accademia di Francia a Roma e vice direttrice artistica del Cinéma du Réel

Locarno 2018

L’uomo contro l’uomo di Yeo Siew Hua vince il Pardo

È un noir ambientato a Singapore, nel mondo dell’edilizia, a guadagnarsi il premio più prestigioso. Un film che racconta con sguardo lucido l’inferno dei lavoratori senza diritti. E di abusi, si parla anche in M, di Yolande Zauberman pellicola a cui è andato il Premio Speciale della Giuria, un film durissimo incentrato sulle violenze pedofile che si consumano all’interno di una comunità di ebrei ultra ortodossi

Locarno 2018

Diego Abatantuono: io buono, tutti gli altri cattivi

In anteprima a Locarno, in Piazza Grande, Un nemico che ti vuole bene, di Denis Rabaglia. A presentarlo Sandra Milo, Roberto Ciufoli e Diego Abatantuono che dice: “Mi piacciono i film in cui si cerca l’ironia ma senza perdere di vista il realismo. In questo caso il tema centrale è proprio quello della solitudine dell’individuo di fronte ad una realtà che ti può sempre stupire, celando nemici fra gli amici e viceversa"

Locarno 2018

Dulcinea: il Don Chisciotte surrealista di Luca Ferri

Da Cervantes a Buzzati per una performance che attraversa il cinema, l’arte e la letteratura. Ferri conferma la sua vocazione al cinema di ricerca e annuncia il prossimo progetto con Antonio Rezza e Flavia Mastrella. “Sono onorato che due veri geni, come prova il loro recente Leone d’oro per il teatro, abbiano accettato di partecipare a questo nuovo film"


Ultimi aggiornamenti