Decreto Rilancio: art.187 per la Cultura, con piattaforma digitale

Decreto Rilancio: art.187 per la Cultura, con piattaforma digitale


Nelle 464 pagine, di cui 256 articoli per 55 miliardi, del Decreto Rilancio annunciato ieri (13 maggio) in serata dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, anche misure per sostenere il settore Cultura, disposizioni fortemente auspicate dal ministro Dario Franceschini, ed espresse principalmente all’Articolo “187-quater” dedicato alle “Misure per il settore cultura“, di cui particolarmente interessante emerge il “comma 10”, che autorizza la spesa di 10 milioni di euro per la realizzazione di una piattaforma digitale per la fruizione del patrimonio culturale e di spettacoli, anche mediante la partecipazione dell’Istituto nazionale di promozione (ossia la Cassa depositi e prestiti S.p.A), e che recita: “Al di fine di sostenere la ripresa delle attività culturali, il Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo realizza una piattaforma digitale per la fruizione del patrimonio culturale e di spettacoli, anche mediante la partecipazione dell’Istituto nazionale di promozione di cui all’articolo 1, comma 826, della legge 28 dicembre 2015, n. 208, che può coinvolgere altri soggetti pubblici e privati. Con i decreti adottati ai sensi dell’articolo 9, comma 1, del decreto-legge 8 agosto 2013, n. 91, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 ottobre 2013, n. 112, e con i decreti adottati ai sensi della legge 14 novembre 2016, n. 220, per disciplinare l’accesso ai benefici previsti dalla medesima legge, possono essere stabiliti condizioni o incentivi per assicurare che gli operatori beneficiari dei relativi finanziamenti pubblici forniscano o producano contenuti per la piattaforma medesima. Per le finalità di cui al presente comma è autorizzata la spesa di 10 milioni di euro per l’anno 2020”. 

Si procede con il “187-quinquies”, ossia “Fondo cultura”, di cui al “comma 1”:“È istituito, nello stato di previsione del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, un fondo con una dotazione di 50 milioni di euro per l’anno 2020, finalizzato alla promozione di investimenti e altri interventi per la tutela, la fruizione, la valorizzazione e la digitalizzazione del patrimonio culturale materiale e immateriale. Con decreto del Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, sono stabilite modalità e condizioni di funzionamento del fondo”. Finalizzato all’ultimo punto, il “comma 6”: “Il Fondo di cui al comma 1 può essere incrementato, nella misura di 50 milioni di euro per l’anno 2021 mediante corrispondente riduzione delle risorse del Fondo sviluppo e coesione di cui all’articolo 1, comma 6, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 (FSC), già assegnate con le delibere del CIPE n. 3 del 2016 e n. 100 del 2017 al Piano operativo Cultura e turismo di competenza del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo”. 

Da segnalare anche il “187-sexies”, sul tema del “Sostegno di artisti, interpreti ed esecutori”: viene istituito un fondo di 50 milioni di euro per artisti, interpreti e esecutori con una dotazione iniziale pari ai residui derivanti delle procedure di liquidazione dell’IMAIE; inoltre l’indennità di 600 euro prevista per il mese di marzo per i lavoratori dello spettacolo con 30 giornate lavorative nel 2019 viene prorogata per i mesi di aprile e maggio. Viene introdotta una nuova indennità di 600 euro per i mesi di aprile e maggio per i lavoratori dello spettacolo con 7 giornate lavorative nel 2019 e con reddito fino a 35.000 euro. La cassa integrazione è prorogata di 9 settimane per i lavoratori dello spettacolo.

Ancora, tax credit affitti: per i teatri, i cinema, le associazioni e le fondazioni culturali con fatturato fino a 5 milioni di euro è previsto un credito di imposta del 60% delle spese per gli affitti degli immobili in cui si svolgono le attività. Tale credito è riservato ai soggetti che hanno avuto una perdita di fatturato del 50% o superiore.  

“Tutti i settori hanno sofferto duramente in questa crisi ma il Turismo e la Cultura sono quelli che hanno pagato maggiormente le conseguenze dell’epidemia. Il Decreto Rilancio prevede interventi per sostenere le imprese turistiche e culturali, dai crediti di imposta per gli affitti ai ristori per gli alberghi e le aziende con grandi perdite di fatturato sino all’allungamento degli ammortizzatori sociali, così come per la sanificazione e l’adeguamento delle strutture alle prescrizioni sanitarie dovute”, ha dichiarato il Ministro

I contenuti di questo Articolo 187, così come espressi, potrebbero gettare basi concrete sia per la costruzione di un interessante strumento – quello della piattaforma – di valorizzazione del patrimonio filmico italiano a tutto tondo, sia per strutturare una reale tutela di chi il cinema lo fa di mestiere. 

14 Maggio 2020

MiBACT

MiBACT

Mibact, 5 mln ai fornitori di beni e servizi spettacolo

Scade il 29 dicembre il bando per presentare domanda per il ristoro degli operatori della sartoria, modisteria, parruccheria, produzione calzaturiera, attrezzeria e buffetteria che abbiano una quota superiore al 50% del fatturato derivante da forniture per lo spettacolo

MiBACT

Lettera aperta a sostegno dell’Efebo d’oro

Studiosi di cinema, scrittrici, registi e attori scrivono al ministro Dario Franceschini per denunciare le incongruenze relative al mancato sostegno all’Efebo d'oro

MiBACT

Franceschini: “L’Europa si doti di una piattaforma digitale”

Dario Franceschini è intervenuto al consiglio informale dei Ministri della cultura europei, svoltosi in videoconferenza sotto la presidenza del Ministro federale della cultura della Repubblica Federale Tedesca, Monika Grütters

MiBACT

Al via il tavolo permanente per cinema e audiovisivo

"I lavoratori che hanno fatto domanda per le indennità speciali sono circa 80mila. Ci si è potuti rendere conto della dimensione effettiva del fenomeno. La nuova legge per lo spettacolo proverà a rendere stabili maggiori tutele". Lo ha affermato il ministro Dario Franceschini in occasione dell'apertura del tavolo permanente per lo spettacolo dal vivo, il cinema e l’audiovisivo


Ultimi aggiornamenti