Cinecittà partner di Academy100

Nel 2028 l'Academy of Motion Picture Arts and Sciences compie 100 anni e sta raccogliendo 500 milioni di dollari per le varie iniziative in tutto il mondo. Partner italiano è Cinecittà


Nel 2028 l’Academy compie 100 anni e sta già pensando alle celebrazioni, con una campagna Academy100 che raccoglierà, a livello, internazionale, 500 milioni di dollari. Ad annunciarlo una conferenza stampa congiunta di Academy e Cinecittà, già partner della principale istituzione americana del cinema e del Museo di Los Angeles.

Chiara Sbarigia, presidente di Cinecittà, ha spiegato come questo sia “un importantissimo segnale per la comunità del cinema italiano. Cinecittà è centro di produzione del cinema di qualità e l’Academy celebra questo cinema in tutto il mondo. Il rapporto con il cinema italiano ha radici profonde, infatti siamo il paese che ha vinto più premi Oscar dopo gli Usa e la categoria del miglior film straniero venne istituita per premiare Sciuscià. Tra i vincitori ci sono La strada di Federico Fellini e La grande bellezza di Paolo Sorrentino, senza contare i tanti Oscar nelle altre categorie, come i quattro vinti da Milena Canonero. L’accordo con il Museo dell’Academy a Los Angeles ha già portato in America mostre su importanti personalità come Pier Paolo Pasolini ed Ennio Morricone. Cinecittà, che quest’anno festeggia anche il centenario dell’Archivio Luce, è partner delle attività dell’Academy in Italia con l’impegno a diffondere la conoscenza del cinema nelle nuove generazioni. Academy e Cinecittà rappresentano radicamento e visione del futuro e sono entrambi brand iconici”.

Nicola Maccanico, ad di Cinecittà, sottolinea come “la globalizzazione sia caratteristica del nostro tempo, una caratteristica accelerata dalla pandemia. Il mondo dei contenuti è divenuto ancora più grande, ma questo non ha danneggiato il cinema che gode di buona salute. Cinecittà è la casa italiana del cinema, come l’Academy ne è la casa mondiale. Ci sono tanti punti in comune, un rapporto storico con il passato ma anche la capacità di guardare al presente e cercare di costruire un futuro che deve generare posti di lavoro e creare opportunità artistiche. L’Academy of Motion Picture Arts and Sciences non è solo un premio, è una comunità. E Cinecittà, che promuove il cinema italiano all’estero da tempo, ha immaginato da sempre questa partnership. Oggi abbiamo oltre che una storia comune anche una prospettiva comune di sviluppo”.

Bill Kramer, CEO Academy, ha parlato di Roma come del cuore della cinematografia italiana. “L’Academy è un’organizzazione internazionale con oltre 10mila artisti e leader dell’industria cinematografica e ha la missione di celebrare tutti gli aspetti dell’industria e tutte le persone di talento che ne fanno parte. Vuole ispirare i giovani artisti e creare opportunità per le comunità meno rappresentate, con mostre e pubblicazioni sul passato, il presente e il futuro del cinema. Academy100 intende sostenere programmi didattici e impegnarsi per la diversità, l’equità, l’accesso e l’inclusione”. Tanti i i partner in tutto il mondo, da Cinecittà alla Rolex, da Delta Air Lines a Dorchester Collection. “L’Academy vuole girare il mondo per essere fonte di ispirazione per nuovi talenti emergenti e per trovare nuovi membri, portando ovunque i nostri contenuti. I film riflettono la nostra cultura, la nostra impostazione politica, e man mano che gli Oscar diventano più ampi sarà possibile per il pubblico apprendere molte cose sugli altri paesi. Questa inclusività è già in atto e infatti diversi film stranieri vengono candidati anche nelle altre categorie”. Eventi sono previsti a Buenos Aires, Cannes, Johannesburg, Kyoto, Lagos, Londra, Los Angeles, Marrakesh, Melbourne, Città del Messico, Mumbai, New York, Roma, San Francisco, Seoul, Toronto, Toruń, Venezia.

Janet Yang, presidente Academy, ha dichiarato: “Questa iniziativa sarà fondamentale per il lavoro che facciamo tutto l’anno, mettere insieme artisti da ogni angolo del mondo e dare impulso ai talenti futuri del cinema. Tanto è cambiato negli ultimi cento anni, dalle storie che raccontiamo ai narratori che le raccontano. Il nostro corpus di votanti è sempre più internazionale, tanto è vero che il 30% risiede fuori dagli Usa e c’è sempre maggior entusiasmo per i film stranieri. Ora vogliamo darci la possibilità di incontrare i nostri membri a casa loro”.

Jacqueline Stewart, direttore e presidente dell’Academy Museum, ha illustrato la struttura del museo progettato da Renzo Piano che ospita sia collezioni permanenti che mostre temporanee e collabora stabilmente con Cinecittà. “Abbiamo 23 milioni di oggetti, che vanno dalla testa di Alien, ai disegni di E.T. di Carlo Rambaldi, alle illustrazioni della pioniera dell’animazione Lotte Reiniger. C’è una sezione dedicata ai poster, con molte locandine di film cubani e polacchi. Abbiamo una raccolta dedicata ad Alfred Hitchcock e una sezione riservata alla leggendaria trilogia de Il Padrino. Tra le mostre in arrivo quella sui cineasti ebrei che contribuirono a fondare Hollywood e una sul cyberpunk”.

Al termine della conferenza stampa i membri dell’Academy sono stati protagonisti di un incontro industry, organizzato da Cinecittà, a porte chiuse cui hanno partecipato i nostri principali produttori cinematografici e operatori, dedicato ai meccanismi di composizione della giuria internazionale dell’Academy, dei meccanismi di voto e di linee guida industriali dell’istituzione. Tra i presenti Paolo Del Brocco, Giampaolo Letta, Lorenzo Mieli, Mauro Gianani, Andrea Occhipinti, Marta Donzelli, Olivia Musini.

10 Maggio 2024

Cinecittà

Cinecittà

‘Acqua, porta via tutto’, all’Unarchive Festival un film e un cineconcerto per i 100 anni dell’Istituto Luce

L’opera che unisce i talenti di Roland Sejko alla regia, Teho Teardo per le musiche e Gian Mario Villalta ai testi è in programma martedì 28 maggio alle 22.30 all’Alcazar per omaggiare i cento anni dell'Istituto Luce

Cinecittà

Maccanico: “Non sottovalutare il cinema per promuovere il Paese”

L'Amministratore Delegato di Cinecittà ospite di Ansa Incontra. "Sottovalutare il ruolo del cinema e l'autonomia degli autori nel realizzare questi percorsi divulgativi e di intrattenimento sarebbe un peccato mortale"

Cinecittà

‘La Scena Svelata’, a Cagliari una rassegna dedicata alla scenografia nel cinema

Il 15 maggio alle 18:30 l’incontro 'Cinecittà Eterna' con Simona Balducci, responsabile del reparto costruzioni scenografiche degli studi di via Tuscolana. A seguire la proiezione di Amarcord di Federico Fellini, girato a Cinecittà

Cinecittà

Cosa rappresentano oggi l’Academy e Cinecittà nel mondo?

Rispondono Nicola Maccanico (AD Cinecittà) e Bill Kramer (AD Academy of Motion Picture Arts and Sciences)


Ultimi aggiornamenti