‘C’era una volta in Buthan’: un monaco, un fucile e il gioco della democrazia

Il secondo film del regista bhutanese Pawo Choyning Dorji arriva nelle sale italiane dal 30 aprile con Officine UBU


Qual è il prezzo della democrazia? E se fosse la nostra felicità, saremmo disposti a pagarlo? Dopo il bellissimo film candidato all’Oscar Lunana: Il villaggio alla fine del mondo il regista Pawo Choyning Dorji ci riporta nel suo affascinante Paese d’origine, il Bhutan, con i suoi paesaggi mozzafiato e la sua popolazione gentile e devota. Un lieto ritorno, senz’altro. Il suo secondo film C’era una volta in Buthan, titolo evocativo ma che si distanzia notevolmente dall’originale The Monk and the Gun, arriva nelle sale italiane dal 30 aprile con Officine UBU. Il lungometraggio ci fa tornare indietro di una ventina d’anni, nel 2006, anno cruciale per la storia bhutanese che ne ha segnato l’ufficiale ingresso nella modernità.

Nel giro di pochi mesi, i cittadini di questa nazione sperduta tra le valli Himalayane si sono aperti al mondo, scoprendo la televisione, internet e, soprattutto, la democrazia, grazie all’improvvisa scelta del re di abdicare. In questo contesto, che ha portato in pochi anni cambiamenti che i paesi occidentali anno sperimentato in secoli, il regista ci racconta una storia corale, che ruota attorno alla scelta delle autorità locali di insegnare alla popolazione i più fondamentali rudimenti democratici, organizzando delle elezioni simulate anche nei più remoti villaggi rurali.

Le vicende di una supervisora elettorale, di una famiglia, di un anziano Lama (leader spirituale buddhista) e del suo assistente si intrecciano a quella di Ron, un collezionista di armi statunitense che arriva in Buthan per acquistare un fucile dall’incredibile valore storico. Il punto di vista di Ron, in particolare, ci permetterà di cogliere l’eccezionalità del contrasto tra il sistema bhutanese – regolato da principi religiosi e un’economia di stampo feudale – e quello occidentale. Il valore del denaro, il potere delle armi, i compromessi della politica sono tutti aspetti che C’era una volta in Buthan rimette completamente in discussione, portandoci in un luogo totalmente alieno. Un modo per specchiarci e vederci dall’esterno.

“Come facciamo a essere sicuri che la democrazia sia la strada giusta se non è un insegnamento del Buddha?”: questa innocua domanda nasconde molta più verità di quanto potrebbe sembrare. Perché ogni cambiamento porta aspetti positivi, ma anche negativi, stravolge degli equilibri, rischiando di rovinare la vita di tante persone innocenti. Il fucile attorno a cui ruotano tutte le vicende – insieme al personaggio di 007, all’acqua nera detta Coca-Cola e a MTV – diventa una rappresentazione fisica di cosa vuol dire modernità: un’opportunità di cambiamento ricca di potenzialità e, al tempo stesso, di rischi.

Ne vale davvero la pena? Questo film – che conferma il talento di Pawo Choyning Dorji nel raccontare una storia con leggerezza e ironia –  non ci dà la risposta, ma ci indica gli unici valori ai quali nessuna società dovrebbe rinunciare, a prescindere dal suo livello di “modernità”: la pace, la giustizia e il senso di comunità.

 

19 Aprile 2024

Uscite

Uscite

‘Eileen’. Il thriller dalle atmosfere hitchcockiane con Thomasin McKenzie e Anne Hathaway

L’apprezzato regista di 'Lady Macbeth' racconta il suo nuovo film, un thriller basato sul romanzo omonimo di Ottessa Moshfegh

Uscite

‘Quattro Figlie’, in sala il doc candidato all’Oscar

Diretto da Kaouther Ben Hania il film incentrato sulla storia vera di Olfa Hamrouni e delle sue figlie. Nei cinema dal 27 giugno

Uscite

‘Lupin III – La pietra della saggezza’ torna al cinema in 4K

Il primo film sul ladro gentiluomo arriva in sala dal 24 al 26 giugno

Uscite

‘Dall’alto di una fredda torre’, il trailer del film con Edoardo Pesce e Vanessa Scalera

Il debutto sul grande schermo di Francesco Frangipane arriva al cinema dal 13 giugno. Nel cast anche Anna Bonaiuto e Giorgio Colangeli


Ultimi aggiornamenti