Carcere e fiaba in ‘La lunga corsa’

Intervista a Andrea Magnani e Adriano Tardiolo


Del carcere non si può non avere una accezione negativa, per il giovane protagonista di La lunga corsa è invece addirittura una “casa”, un nido che lo avvolge a protezione delle brutture esterne ad esso. Figlio di due detenuti, in carcere lui è nato ed anche cresciuto, dunque paradossalmente la libertà è una ubriacatura che lo travolge, non sa rapportarsi con il mondo esterno, non ne ha gli strumenti. Tutto ciò gli provoca paura. La lunga corsa è diretto da Andrea Magnani e interpretato da Adriano Tardiolo (l’adolescente), Giovanni Calcagno, Barbora Bobulova, Nina Naboka. Unico film italiano in Concorso al TFF. Il film è in sala dal 24 agosto con Tucker Film.

 

,
17 Agosto 2023

Ultimi video