Cannes 2024, anche un corto italiano a ‘La Cinef’

L’Italiano Paolo Moretti tra i giurati che assegneranno la Palma d'oro al miglior corto e i 3 premi a quelli de ‘La Cinef’ che vede in competizione anche 'In spirito' di Nicolò Folin (Centro Sperimentale di Cinematografia)


Sarà l’attrice belga Lubna Azabal, affiancata da Marie-Castille Mention-Schaar, Paolo Moretti, Claudine Nougaret e Vladimir Perišić, ad assegnare la Palma d’oro al cortometraggio e i 3 premi ‘La Cinef’, la selezione del Festival di Cannes dedicata agli studenti di cinema. La premiazione si terrà sabato 25 maggio, durante la cerimonia di chiusura del 77° Festival di Cannes.

I cortometraggi in concorso

Selezionati tra 4.420 film, quest’anno verranno presentati in Concorso 11 cortometraggi, provenienti da 10 Paesi: Azerbaigian, Brasile, Canada, Cina, Croazia, Francia, Kosovo, Lituania, Portogallo e Stati Uniti.

Ecco i titoli: Volcelest di Éric Briche (Francia – 15’), Ootidė di Razumaite Eglė (Lituania – 9’), Sanki Yoxsan di Azer Guliev (Azerbaijan/Francia – 15’), Les belles cicatrices di Raphaël Jouzeau (Francia – 15’), Rrugës di Samir Karahoda (Kosovo – 15′), Across the waters di Viv Li (Cina – 15′), Perfectly a strangeness di Alison McAlpine (Canada – 15′), Tea di Blake Rice (Stati Uniti – 12′), Amarela di André Hayato Saito (Brasile – 15′), The man who could not remain silent di Nebojša Slijepčević (Croazia/Francia – 13′), Bad for a moment di Daniel Soares (Portogallo – 15′).

L’italiano Nicolò Folin nella selezione de ‘La Cinef’

Per la sua 27esima edizione La Cinef ha selezionato 18 cortometraggi (14 live-action e 4 di animazione) tra i 2.263 presentati dalle scuole di cinema di tutto il mondo. Il programma di quest’anno riflette la mobilità geografica degli studenti di cinema, con un regista singaporiano in Australia, un indiano e un lituano nel Regno Unito, un russo nella Repubblica Ceca e tre cortometraggi realizzati nelle scuole americane da registi russi, cinesi e britannici. Selezionato anche il cortometraggio In spirito, di Nicolò Folin, studente del Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma.

Ambientato nel 1499, In spirito è la storia di Lucia, una ‘santa viva’ di vent’anni le cui stigmate sono famose in tutta Italia. Il duca di Ferrara ha mandato i suoi uomini a Viterbo per prelevarla clandestinamente e il giovane cortigiano Zoanin e il capitano dei balestrieri ducali le fanno da scorta. Durante il viaggio fra boschi e borghi abbandonati, a Zoanin toccherà decidere del destino della giovane.

Il preside del CSC – Scuola Nazionale di Cinema Adriano De Santis ha dichiarato: “Si è soliti dire che le scuole di cinema abbiano il compito, se non il dovere, di incoraggiare la libertà creativa costringendola nella grammatica e nella tecnica. Si potrebbe affermare anche il contrario, che debbano promuovere la composizione e la sintassi, obbligando alla felicità dell’invenzione. In questo pendolo virtuoso si racchiude anche lo spirito di In spirito, e per conseguenza l’attività didattica e laboratoriale di cui è l’esito. Il Centro Sperimentale, la cui Scuola dirigo da anni, fa così ancora centro: un prodotto degli allievi ospitato da un festival del calibro di Cannes. Non la prima volta, proviamo a scommettere che non sarà l’ultima”.

Racconta il regista Nicolò Folin: “Si tratta di una vicenda di cinque secoli fa, ma penso che ci riguardi da vicino, perché parla del nostro bisogno di raccontarci storie su chi siamo per dare un senso a quel che ci accade”.

Scritto da Nicolò Folin e Francesco Bravi, è interpretato da Beatrice Bartoni, Marco Folin e dallo stesso Nicolò Folin. La fotografia è di Enrico Licandro, il montaggio di Bianca Vecchi, le musiche di Lorenzo Barcella, le scenografie di Vanessa Bondesani, i costumi di Rita Guardabascio, il suono di Samuele Infantone, il montaggio del suono di Antonio Stella e Tommaso Libero di Lorenzo, il mix di Rainer Russo; i produttori esecutivi sono Arianna Pecorella e Anna Giuliano. Il cortometraggio è una produzione CSC – Scuola Nazionale di Cinema.

Nicolò Folin è nato nel 2002. Ha cominciato a scrivere le prime sceneggiature e a recitare sin dagli anni del ginnasio, poi – dopo aver conosciuto il set, recitando nel film Gli sdraiati (2017) di Francesca Archibugi – ha maturato il desiderio di dedicarsi alla regia. Oggi studia Regia al Centro Sperimentale di Cinematografia.

Gli altri concorrenti de ‘La Cinef’ sono:

Crow man di Yohann Abdelnour (ALBA, Libano – 8′), Banished Love di Xiwen Cong (Accademia del Cinema di Pechino, Cina – 40′), Praeis di Dovydas Drakšas (London Film School, United Kingdom – 27′) Echoes di Robinson Drossos (ENSAD, Francia – 7′), Mauvais Coton di Nicolas Dumaret (La Fémis, France – 20′), Terminal di East Elliott (NYU, United States of America – 18′), Elevaciòn di Gabriel Esdras (Università di Guadalajara – Messico – 28′), The Deer’s tooth di Saif Hammash (Dar Al-Kalima University, Palestina – 16′), Plevel di Pola Kazak (FAMO – Repubblica Ceca – 14′), The Chaos she left behind di Nikos Kolioukos (Aristotle University di Salonicco, Grecia – 33′), Forest of echoes di Yoori Lim (Korea National University of Arts, Corea del sud – 22′), Bunnyhood di Mansi Maheshwari (NFTS, United Kingdom – 9′), Sunflowers were the first ones to know… di Chidananda S Naik (FTII, Pune, India – 16′), Withered Blossoms di Lionel Seah (AFTRS, Australia – 14′), Out the window Through the wall di Asya Segalovich (Columbia University, Stati Uniti – 22′), Three di Amie Song (Columbia University, Stati Uniti – 15′), It’s not time for pop di Amit Vaknin (Tel Aviv University, Israele – 14′).

Delegato generale della Quinzaine des Réalisateurs dal 2018 al 2022, Paolo Moretti, il membro italiano della giuria, è attualmente direttore del dipartimento di cinema dell’École cantonale d’art de Lausanne (ECAL), direttore del Grütli Cinemas di Ginevra e curatore cinematografico della Fondazione Prada di Milano.

23 Aprile 2024

Cannes2024

Cannes2024

Dalla conferenza stampa di ‘The Shrouds’

David Cronenberg e il suo rapporto di regista con la CGI

Cannes2024

‘Emilia Pérez’, ‘Parthenope’ e il film di Cronenberg: Saint Laurent produttore di cinema

Anthony Vaccarello, designer belga con la passione per il cinema, direttore artistico della Saint Laurent Productions, società costola della maison di moda, protagonista di tre grandi produzioni del Concorso di Cannes 2024

Cannes2024

Dalla conferenza stampa di ‘Kind of Kindness’

Regista e protagonista raccontano il loro rapporto con il corpo

Cannes2024

Dalla conferenza stampa di ‘Furiosa: A Mad Max Saga’

George Miller, Anya Taylor-Joy e Chris Hemsworth presentano il nuovo capitolo della saga al Festival di Cannes


Ultimi aggiornamenti