Asia Argento: io come Frida, ribelle ai cliché

Voce narrante del docufilm Frida. Viva La Vida di Giovanni Troilo, l'attrice e regista sottolinea il suo profondo legame con l'astista


TORINO – In anteprima al 37mo Torino Film Festival (Festa Mobile) e nelle sale italiane con un’uscita evento il 25, 26 e 27 novembre, il docu-film che racconta una donna rivoluzionaria, diventata icona pop e simbolo del femminismo contemporaneo, Frida Kahlo, l’artista che più di ogni altra è riuscita a costruire una potente e intensa autobiografia per immagini. Frida. Viva la vida di Giovanni Troilo, è un percorso in sei capitoli che vuole capire ed esplorare due delle tante anime di Frida, come illustra il regista, da una parte la donna dolente, dall’altro l’artista, libera, nonostante le costrizioni di un corpo martoriato: “Frida è un personaggio poliedrico, dalle tante anime, ma nel film ho voluto concentrarmi sulla Frida del dolore e la Frida artista, e sul legame che c’è tra questi due aspetti: lei inizia a dipingere quando è costretta all’immobilita, in un atto di rinascita e di bellezza”.

A condurre lo spettatore alla scoperta di Frida, Asia Argento, voce e volto narrante, presente al TorinoFF con un video messaggio trasmesso durante la conferenza stampa. “Conosco Frida da quando ero bambina, c’erano dei suoi libri in giro per casa, e nella mia adolescenza è diventata una voce molto importante dentro di me. È un’artista che mi ha sempre accompagnata, che è per me una continua scoperta, in lei vedo sempre qualcosa di diverso, in base alle mie varie fasi di vita come donna”.
“I tratti della sua opera che mi hanno più colpita – continua Asia, guest director dell’edizione 2017 del Festival – sono la sua enorme sofferenza e la rinascita attraverso l’emancipazione proprio da questa sofferenza e da figure maschili forti da cui sente il bisogno di essere liberata ma anche, in maniera quasi infantile, amata. Sia io che Frida abbiamo pagato caramente le esigenze di libertà e ribellione dal sistema patriarcale, e condividiamo una certa ironia nel rompere il cliché di quello che deve essere una donna nella società”.

Frida. Viva la vida è un viaggio nel cuore del Messico, tra cactus, scimmie, cervi e pappagalli, alternato a interviste, documenti d’epoca, ricostruzioni suggestive e opere della stessa Kahlo, tra cui gli autoritratti più celebri, da quello con Diego Rivera del 1931, alle Due Frida del 1939, La colonna spezzata del 1944 e il Cervo ferito del 1946. Tele da cui si sprigiona un’incredibile energia e vitalità, sebbene raccontino una vita segnata dalla sofferenza: l’invalidità a seguito di un incidente stradale, l’atroce dolore fisico, l’amore tradito, il dramma degli aborti.

“Abbiamo cercato di comporre e il film costruendo più piani narrativi – racconta il regista – unendo materiali molto diversi in una sorta di esperanto artistico. Nel film si ritrovano testimonianze e gli interventi di esperti e artisti, clip che si ripetono più volte come in un mantra, un grande uso dei materiali d’archivio le cui immagini sono state accostate come per costruire una scena”. Nel documentario è anche possibile vedere per la prima volta fotografie, vestiti e altri oggetti personali di Frida conservati negli archivi del Museo Frida Kahlo normalmente non accessibili al pubblico. “Il primo giorno che siamo arrivati a Città del Messico –  racconta il regista – Hilda Trujillo, che dal 2002 dirige il Museo Frida Kahlo che sorge nella Casa Azul che fu dimora della pittrice, ha adottato sia noi che il progetto, ci ha accolto a braccia aperte permettendoci di trascorrere molto tempo in un luogo così speciale, anche fuori dagli orari di apertura. Ci ha mostrato cose delicatissime, che ho potuto filmare e che ho guardato con ammirata emozione, come l’urna contenenti le ceneri di Frida o una sua lettera nascosta in un cassetto in cui parlava di pace”.

Frida. Viva la vida è prodotto da Ballandi Arts e Nexo Digital in collaborazione con Sky Arte, e ha la colonna sonora originale di Remo Anzovino, con cui il regista aveva già collaborato nel suo precedente film su Monet.  “Per me è stato come fare un viaggio – racconta il compositore e pianista – sotto la guida sapiente di Giovanni che ha una cultura musicale fuori dal comune. Volevamo produrre una musica fortemente attuale nei suoni ma al tempo stesso universale  nelle tematiche. Nella canzone principale del film, Yo te cielo, ho anche innestato una parte di una lettera di Frida, cantata da Yasemin Sannino, nota al pubblico cinematografico per aver lavorato con Ferzan Ozpetek su Le fate ignoranti”.

 

23 Novembre 2019

TFF 2019

TFF 2019

Stefano Francia di Celle è il nuovo direttore del Torino Film Festival

Selezionato all’interno di una rosa di 8 candidati, tutti di altissimo livello, è stato nominato all’unanimità dai vertici del Museo Nazionale del Cinema, il Presidente Enzo Ghigo e i membri del Comitato di Gestione Annapaola Venezia, Gaetano Renda, Giorgia Valle e Paolo Del Brocco. Rimarrà in carica per due edizioni del Festival, con possibilità di rinnovo

TFF 2019

Intesa Sanpaolo main sponsor al TFF

Il Torino Festival Festival si è appena chiuso e anche quest’anno Intesa Sanpaolo è stata Main Sponsor di uno degli appuntamenti più attesi del cinema italiano, che per questa 37sima edizione – intitolata “Si può fare!” – Dal dottor Caligari agli zombie” ha voluto rendere omaggio all’horror classico dal 1920 al 1970

TFF 2019

Emanuela Martini non sarà più direttrice del TFF

Emanuela Martini non sarà più direttrice del Torino Film Festival. L'ha reso noto il presidente del Museo del Cinema Enzo Ghigo a margine degli Stati generali della Fondazione Crt. "Continuerà a collaborare con noi perché è una professionalità che non vogliamo perdere", ha detto Ghigo. "Il nome del nuovo direttore lo conoscerete prima di Natale", ha aggiunto

TFF 2019

I dati del TFF: 61mila presenze

Le cifre restano in linea con quelle della precedente edizione "a conferma della rilevanza e del livello che il Torino Film Festival mantiene nel panorama dei festival cinematografici italiani"


Ultimi aggiornamenti