Angus Cloud, il ricordo di amici e colleghi

Lo sceneggiatore Sam Levinson: “troppo speciale, troppo giovane per lasciarci”.


“Era troppo speciale, troppo di talento e davvero troppo giovane per lasciarci”.

Sam Levinson, ideatore e sceneggiatore di Euphoria, è solo una delle numerose persone che oggi riempiono i canali social per ricordare Angus Cloud, morto ieri a Oakland, in California, a soli 25 anni.

Noto ai più per il ruolo dello spacciatore Fezco ‘Fez’ O’Neill interpretato nella serie cult di HBO, il ragazzo viene oggi pianto da tutti i suoi amici e colleghi sul set, come riportato anche da Variety, che ne raccoglie i messaggi pubblicati su twitter e instagram:

da quello del giovanissimo Javon ‘Wanna’ Walton, che interpreta il fratellino minore di Fezco, a quelli di Paula Marshall, che sul piccolo schermo veste i panni della madre del personaggio di Jacob Elordi, Nate Jacobs. Fino al musicista Questlove, che parla di Cloud come del “centro spirituale” della stessa Euphoria.

Secondo il suo portavoce Cait Bailey, Cloud “è morto nella sua casa di famiglia”, ma il sito di breaking news TMZ parla di una chiamata della madre al 911 – l’equivalente del 112 in Italia – per una possibile overdose: i sanitari, giunti sul posto, ne avrebbero potuto solo constatare il decesso. Secondo una fonte del tabloid, il giovane aveva mostrato tendenze suicide, specie dopo la scomparsa del padre, a cui il ragazzo era molto legato, avvenuta solo una settimana fa. “L’unica cosa che ci conforta è il pensiero che Angus è ora di nuovo con suo padre, il suo migliore amico” si legge nella prima nota diffusa dai familiar – riportata per intero in questo articolo – in cui si accenna anche ai ‘problemi di salute mentale’ del giovanissimo attore, e alla “speranza che la sua morte ricordi anche ‘agli altri’ che questa battaglia non va combattuta nel silenzio”.

Parole come macigni quelle della famiglia di Cloud, che parlano di sofferenza, solitudine e disperazione, che mai si vorrebbe credere possibili all’età di 25 anni. Una realtà giovanile che altrettanto esplicitamente viene portata a galla dallo stesso tema della serie tv di cui il ragazzo era protagonista, e che ci parla anche di un inquietante mix tra fiction e vita ‘vera’, o meglio, obbligatoriamente ‘euforica’. Euphoria, infatti, racconta le vicende di un gruppo di liceali adolescenti alla ricerca di se stessi e della propria identità, tra amicizie, amori, traumi passati e presenti, sesso e droga, ognuno con una storia più o meno tragica alle spalle: è una di quelle serie che ha cambiato il genere del teen-drama, mettendo crudamente a nudo la generazione Z e il fascino psichedelico che subiscono molti di coloro che ne fanno parte, alcuni purtroppo senza ritorno.

Compagno di classe di Zendaya – la star numero 1 di Euphoria – alla Oakland School for the Arts, Cloud era diventato un attore ‘per caso’ – secondo quanto riportato dall’agenzia Ansa. Passeggiava per le strade di Brooklyn quando fu notato dalla casting scout della serie: inizialmente il giovane pensò che si trattasse di una truffa, ma dopo aver avuto un colloquio con la direttrice del casting, si è ritrovato ad essere il coprotagonista per le prime due stagioni. Cloud interpretava Fez in modo così naturale al punto da far sospettare che il giovane stesso fosse proprio identico al personaggio, ma lui ha sempre respinto questa teoria. “Mi infastidisce – disse l’anno scorso in un’intervista a Variety quando le persone pensano che per me sia facile. Do me stesso al personaggio, credete ciò che volete, non ha niente a che fare con me“.

“Angus era unico” – ha aggiunto ancora lo sceneggiatore di Euphoria, Sam Levinson. “Come molti di noi, ha avuto problemi con le dipendenze e la depressione. Spero che sapesse quanti cuori ha toccato. Gli ho voluto bene e gliene vorrò sempre. Riposa in pace”.

“Angus aveva un dolce sorriso ed era un’anima generosa” – ha detto a Hollywood Reporter Mason Shea Joyce, che nella serie interpreta Fez da bambino. “Mai troppo impegnato per una chiacchierata o un discorso di incoraggiamento. È stato un onore recitare come il giovane Fezco”.

autore
01 Agosto 2023

farewell

farewell

Morta Shelley Duvall, l’attrice di ‘Shining’ aveva 75 anni

Leggendaria nel film di Stanley Kubrick, recitò anche in sette pellicole dirette da Robert Altman. È venuta a mancare nel sonno nella sua casa in Texas

farewell

È scomparso Benji Gregory, ex baby star della serie ‘ALF’

Era Brian Tanner nella sitcom tv di successo negli Anni ’80: aveva 46 anni e l’annuncio della morte è stato diffuso dalla sorella, che parla di “colpo di calore”

farewell

È morto Jerzy Stuhr, attore per Kieslowski, Wajda e Moretti

Tra i più popolari, influenti e versatili registi e interpreti polacchi. Aveva 77 anni. Una vita tra cinema, teatro, tv e accademia

farewell

Addio a Bruno Zanin, il ‘Titta’ di Amarcord di Fellini

Aveva 73 anni. Diventò attore per caso nel 1973, capitando a Cinecittà: “Gironzolando per lo Studio 5, mi ritrovai in una coda di ragazzini, dopo una settimana ero sul set del film”, aveva raccontato in un'intervista a 'La Stampa'


Ultimi aggiornamenti