All’Heroes International FF gli storyboard di ‘Freaks Out’

Highlights del festival sono stati la premiazione alla Carriera del maestro Lamberto Bava e quella di Gabriele Mainetti


30 eventi in 3 giorni, 10 anteprime nazionali, 3200 cortometraggi in concorso e tanti ospiti italiani e internazionali tra nominati e premiati agli Oscar e ai Bafta, ai Nastri d’argento, ai David di Donatello e ai Globi d’oro. Sono i numeri delle maestranze che si sono alternate sul “blu carpet” di Heroes International Film Festival, kermesse dedicata al film e alla serialità “di genere” horror, sci-fi, fantasy, thriller e cross-over.

Highlights del festival sono stati la premiazione alla Carriera del maestro Lamberto Bava, celebrato insieme ai 30 anni del suo Fantaghirò, e quella di Gabriele Mainetti per il Miglior film “di genere” del 2021 con Freaks Out, opera protagonista anche con lo storyboard artist Marco Valerio Gallo, lo scenografo Massimiliano Sturiale e il direttore creativo Federico Mauro. 

Grande parterre internazionale con gli artisti provenienti da altri Paesi: il “mito” della stop motion inglese Barry Purves (al lavoro con Tim Burton e Peter Jackson) che ha presentato in anteprima europea il suo nuovo, perturbante film No Ordinary Joe, il tedesco Sebastian Badea, con i “dietro le quinte” del suo lavoro nei principali film Marvel e lo spagnolo Diego Gilbert Llorens, concept artist di Warhammer e Castlevania. 

Il momento più divertente per il pubblico è stata la performance di stage combat a cura dello Stunt Coordinator Simone Belli mentre due sono stati i messaggi forti lanciati dall’edizione 2021 del festival: il riscatto della nuova generazione di attrici (con Camilla Filippi, Beatrice Grannò e Lidia Vitale) e sceneggiatrici “di genere” (con la ‘madre’ del Poliziesco italiano Barbara Petronio e la story editor Isabella Aguilar e la soggettista ed autrice Miranda Pisione), e il “New Horror” italiano che spopola nel mondo col ventottenne Paolo Strippoli, premiato con l’Heroes Action per A classic horror story che è stato il secondo film più visto su Netflix al suo esordio,  Alessio Liguori giunto all’ottavo posto in classifica in USA con Shortcut prima dell’estate e con Stefano Lodovichi, regista de La Stanza.

I concept artist Francesco Sereni, (Pinocchio) e Marco Turini (Hulk) hanno spiegato come i loro disegni aiutano il reparto scenografia prima di arrivare sul set. Carlo Poggioli ha raccontato il suo lavoro da costumista per i grandi registi e attori da Sorrentino, Terry Gillam e Johnny Depp. Stefano Bessoni, regista e animatore ha tenuto una masterclass sulla tecnica della stop-motion.

Le proiezioni più seguite: L’uomo dei ghiacci, film d’apertura in collaborazione con BIM Film, che arriverà in sala dal 2 dicembre, e l’animazione italiana con Yaya & Lennie di Alessandro Rak cui si sono sommati i due cortometraggi indipendenti vincitori dei contest: Theo (Chile) e Walls (UK).

“Era la nostra seconda edizione, la prima in presenza – dice Max Giovagnoli, direttore artistico del festival – ma in pochi giorni abbiamo visto la Casa del Cinema trasformarsi in una vera e propria agorà in cui professionisti, artisti e pubblico si sono scambiati showreel, materiali di lavoro, consigli e tecniche di lavorazione che resteranno per sempre nelle loro vite. È stata la conferma che nella grande offerta festivaliera della Capitale una kermesse come “Heroes” mancava ancora, ed era necessaria. Ripartire dalle maestranze è sicuramente il modo migliore per contribuire a far crescere il nostro cinema e la nostra serialità in Italia e all’estero”.

Heroes International Film Festival è realizzato dall’associazione La Città dell’Animazione e dei Contenuti Digitali col sostegno e il patrocinio della Direzione Generale Cinema e Audiovisivo del Ministero della Cultura, e col supporto delle principali associazioni di maestranze dell’audiovisivo, dall’Associazione Scenografi e Costumisti al Writers Guild Italia, dall’Associazione Italiana VFX ai Tecnici del Suono, dai professionisti del Combattimento Scenico ad Asifa, IED e Istituto Rossellini. 

Ang
25 Novembre 2021

Festival

Festival

‘Zucchero Sugar Fornaciari’, a Hollywood l’evento speciale

In occasione di LA, Italia - On Stage, in programma fino a sabato 9 marzo, il film sarà proiettato al Chinese Theatre

Festival

Caterina De Angelis: “Sul set ho trovato la mia dimensione”

La giovane attrice è stata premiata al Milazzo Film Festival poco prima della proiezione del film di chiusura, Volare, diretto da sua madre Margherita Buy

Festival

Lino Banfi: “Oronzo Canà e nonno Libero potrebbero tornare”

Al Milazzo Film Festival, dove ha ritirato ’Excellence acting award, l’attore è stato accolto da un pubblico numeroso e festante

Festival

Michele Riondino: “Farò ancora il regista, ho tante storie da raccontare”

Reduce dal successo della sua opera prima Palazzina Laf, Michele Riondino ha ritirato l’Acting award del Milazzo Film Festival


Ultimi aggiornamenti