Al BFBB ‘Stanze’, il corto di Simona Palmieri sulle tracce che lasciamo

Il 20 aprile al Bolzano Film Festival sarà presentato il cortometraggio diretto da Simona Palmieri, allieva della scuola di cinema Zelig


Cosa significa essere esistiti? Di certo, le tracce che lasciamo raccontano il nostro passaggio in quel luogo specifico. A questa domanda cerca di rispondere, attraverso una lunga riflessione, Stanze il cortometraggio diretto da Simona Palmieri posizionato nella BFBB Special tra la selezione di cortometraggi realizzati dagli allievi della scuola di cinema Zelig.

Una giovane donna da poco trasferitasi a Bolzano, resta affascinata da una macchia di colore in una zona grigia della città e comincia la ricerca dell’uomo che si cela dietro quel luogo. Proprio da lì inizierà il viaggio tra gli intimi pensieri della donna su cosa significhi esistere e sul senso stesso di abitare. Che cos’è la casa? Quali tracce lasciamo dietro di noi dopo che abbiamo vissuto un luogo? “Casa deriva dal latino e significa luogo coperto, non servono delle mura, basta un tetto” dice la donna. Stanze è dunque una ricerca che inizia dalle orme di un senzatetto, che un tempo viveva sotto due spalle dell’autostrada A22 a Bolzano, e la ricostruzione, tramite i souvenir di un’esistenza, sul senso più intrinseco di esistere e sul lasciare qualcosa di noi nei luoghi che abbiamo chiamato casa.

Che ne è di noi una volta che lasciamo il posto abitato? Cosa significa realmente esistere? Come un saggio poetico Stanze assume le sembianze di un’opera intima su cui meditare in merito ai temi della “Casa” e “dell’Appartenenza”, reso ancor più significativo dal percorso di ricostruzione della memoria di un uomo senza fissa dimora. Il voice over della donna ci culla in questa riflessione sul nostro passaggio tra i luoghi che ci sono in qualche modo “appartenuti”. “Abitare è un diritto” continua la donna nel flusso di pensieri che si accavallano mentre le immagini immobili di oggetti appartenuti si susseguono. A farsi spazio tra i frammenti di vissuto, gli scatti di vita quotidiana che prosegue, di gente che passeggia per la strada e continua con la propria di esistenza, laddove c’era qualcun altro – un invisibile – a condividerne lo spazio. Siamo dunque una sedimentazione continua di tracce e ricordi che lasciamo al nostro passaggio? Forse sì. “Mi chiedo spesso se sono nella memoria di qualcuno”, perché ogni traccia del nostro passaggio racconta chi siamo stati e cosa ne era di noi. Da quelle stanze allora non ce ne andremo mai e resterà sempre qualcosa per via delle tracce di vita che abbiamo lasciato e che continueranno a raccontarci. “Dare e darsi perché l’altro ne tenga memoria”.

20 Aprile 2024

Bolzano 2024

Bolzano 2024

‘Ivo’ di Eva Trobisch è il Miglior film del Bolzano Film Festival

Tra gli altri premiati anche Sleeping with a Tiger di Anja Salomonowitz e While the Green Grass Grows di Peter Mettler

Bolzano 2024

‘Laaste woord’, quando muore una lingua

Al Bolzano Film Festival, nella categoria Piccole Lingue Doc, il cortometraggio d'animazione dell'artista sud africano Diek Grobler dedicato alla scomparsa delle minoranze linguistiche

Bolzano 2024

Yervant Gianikian: “La nostra guerra per la pace”

L'artista, che prosegue l'opera portata avanti con Angela Ricchi Lucchi, riceve il premio alla carriera al Bolzano Film Festival Bozen. Ecco l'intervista di Cinecittà News

Bolzano 2024

‘Hotel Paradiso’, l’albergo di Gio Ponti abbandonato tra le montagne altoatesine

Lo Sporthotel Paradiso della Val Martello, a 2160 mt di altitudine, è una cattedrale nel deserto: Erald Dika e Thomas Saglia, con le immersive animazioni di Al Grameno, presentano al 37mo BFFB il doc sullo status dell’opera archittetonica del 1936


Ultimi aggiornamenti