Abusi sessuali, firmate le linee guida per la fase di casting

Giovedì 16 marzo è stato firmato presso il Cinema Troisi di Roma il documento che riporta le linee guida contro gli abusi durante la fase di casting, “regole del gioco” che tutti devono rispettare


Giovedì 16 marzo è stato firmato presso il Cinema Troisi di Roma il documento che riporta le linee guida contro gli abusi durante la fase di casting, “regole del gioco” che tutti devono rispettare. L’appuntamento è stato voluto dall’Unione Italiana Casting Directors (U.I.C.D.), Unione Nazionale Interpreti Teatro e Audiovisivo (U.N.I.T.A.), Amleta, Agenti Spettacolo Associati (A.S.A.) e Libera Associazione Rappresentanti di Artisti (L.A.R.A.).

Hanno firmato Moira Mazzantini (L.A.R.A), Vittoria Puccini (U.N.I.T.A), Laura Muccino (U.I.C.D.), Cinzia Spanò (AMLETA), Federica Rosellini (A.S.A) e Francesco Vedovati (U.I.C.D.), alla presenza di nomi come Vittoria Puccini, Fabrizia Sacchi, Valentina Lodovini, Francesco Scianna, Paola Minaccioni, Carlotta Natoli, Alessia Barela, Maria Pia Calzone, Laura Muccino, Francesco Vedovati, Moira Mazzantini, Federica Rosellini.

Alla luce delle numerosissime denunce per molestie e abusi sessuali, che per la maggior parte riguardano donne, attrici o aspiranti tali, il 3 marzo 2023, è stato redatto un documento che definisce in maniera inequivocabile le “linee guida contro gli abusi durante la fase di casting”. Sebbene l’industria sia ancora fortemente dominata dagli uomini, le donne hanno iniziato a ricoprire un maggior numero di ruoli di regia ed esecutivi, le posizioni di potere che ne plasmano la cultura, sono tanti gli sforzi da fare per rendere sempre più sicura l’industria cinematografica. Tra le tante iniziative proposte negli ultimi anni, ad esempio, c’è l’inserimento sul set delle figure dette coordinatori dell’intimità, intimacy coordinator, che lavorano nell’industria del cinema, televisione e teatro, in maniera differente ma, fondamentalmente, con lo stesso scopo: rapportarsi con l’intera produzione, assistendo nella facilitazione di una o più scene con contenuti intimi o nudità.

Nel comunicato rilasciato per l’occasione si legge: “Questo documento per siglare queste linee guida contro gli abusi durante la fase di casting, perché diventino da parole scritte ad azioni concrete, sono rivolte a tutti gli operatori del settore, non solo ad attori e attrici. Sono chiamati in causa i produttori, i registi, gli assistenti alla regia, tutti i professionisti dell’industria cinematografica e televisiva e tutti quelli che iniziano ad intraprendere queste professioni. Non sono gli interpreti e, quindi le potenziali ‘vittime’, gli unici destinatari di queste regole del gioco. Al contrario vogliamo sensibilizzare chiunque ad un comportamento civile, umano, che dovrebbe essere scontato ma, dato che la realtà, ci dimostra che così non è agiamo tutti insieme perché nulla di illecito passi per normalità”.

Qui di seguito le regole che un casting directors professionista già applica (o dovrebbe appliccare):
 
1.    I provini e gli incontri con chi si occupa del casting non devono avere luogo in una stanza d’albergo o in una residenza privata e non devono avere luogo in orari notturni, a meno che questa richiesta non sia giustificata.
2.    Se questo viene proposto, è lecito chiedere che invece l’incontro si svolga in uno studio o in produzione e durante le ore di lavoro.
3.    Se questo non fosse possibile è consigliato vivamente di recarvi all’incontro accompagnati dal vostro agente o da un’amica/o che resti con voi per tutto il tempo.
4.    È consigliato informarsi su chi sia il responsabile del casting e sulla produzione per cui svolge il suo incarico; se non lo conoscete accertatevi che sia conosciuto e che non ci siano dubbi sulla sua professionalità.
5.    Non è lecito che vi venga richiesto un nudo integrale, il vostro corpo si può vedere benissimo anche con un costume o dell’intimo.
6.    Se il provino richiede scene di nudo parziale o di sesso simulato dovete esserne informati preventivamente in modo di avere il tempo di pensarci e decidere se volete farlo o meno.
7.    Se il ruolo prevede scene di nudo e/o sesso simulato dovete esserne informati preventivamente, devono esservi inviate le scene in questione in anticipo. La vostra agenzia deve sempre esserne a conoscenza ed è opportuno firmare un consenso informato.
8.    Non è lecito che, durante un incontro o un provino vi vengano poste domande intime sulla vostra vita privata che non abbiano attinenza con il ruolo.
9.    A provini di nudo e sesso simulato in presenza deve assistere almeno un’altra persona oltre a chi dirige il provino, ma non più delle persone strettamente necessarie.
10.    Se nonostante tutto vi foste venuti a trovare in situazioni ambigue, pericolose o abusanti potete scrivere a  osservatoria.amleta@gmail.com  per ottenere un consiglio, supporto e, se è il caso, tutela legale.

17 Marzo 2023

Molestie

Molestie

#MeToo, la lettera aperta di 100 uomini del cinema francese

Tra i firmatari Jacques Audiard, Mathieu Amalric e Swann Arlaud di Anatomy Of A Fall. "Chi afferma che 'non si può più dire nulla' confonde la libertà di espressione con il privilegio".

Molestie

Harvey Weinstein, revocata la prima condanna per gravi errori processuali

Il produttore, i cui reati sessuali hanno dato vita al movimento #MeToo, dovrà scontare a Los Angeles un’altra condanna in attesa di un nuovo processo

Molestie

Rocco Siffredi denunciato per molestie da una giornalista

Il pornodivo avrebbe molestato verbalmente e insultato una giornalista in seguito a un'intervista per la serie Netflix Supersex

Molestie

Carlos Vermut, sei donne accusano il regista di violenza

Dopo le accuse di tre donne del mese scorso, si aggiungono altre tre testimoni che hanno denunciato il regista spagnolo di averle forzate a rapporti sessuali non consenzienti


Ultimi aggiornamenti