9 maggio 2023, la rassegna stampa

Daniel Craig da Cinecittà al vernissage d’arte contemporanea, sul “Corriere”; Barbareschi “annuncia” Polanski a Venezia, su “la Repubblica”; super-première mondiale venerdì sera a Roma per Fast X


Ogni mattina CinecittàNews vi presenta un panorama delle notizie con cui i media seguono il mondo dell’audiovisivo.

CRAIG E WEISZ IN MOSTRA A ROMA

Daniel Craig, l’attore che molti James Bond ha interpretato, e in questo periodo a Cinecittà impegnato sul set di Queer di Luca Guadagnino, altrettanto si sa essere appassionato d’arte contemporanea: è stato ospite con la moglie Rachel Weisz – con tanto di scatto che lo testimonia – della galleria romana Monitor, in occasione di un vernissage, come riportano le pagine romane del “Corriere della Sera”

BARBARESCHI, A VENEZIA CON POLANSKI 

Su “la Repubblica”, Arianna Finos intervista Luca Barbareschi, sul set romano di The penitent, dalla pièce di David Mamet, la cui storia si ispira alla figura controversa dello psicologo canadese Jordan Peterson, per Barbareschi “un genio attaccato ferocemente perché si rifiuta di dire che c’è un terzo sesso. Trovo che abbia ragione: è un medico e non può prescindere dal fatto che i cromosomi siano quelli”. Inevitabile, poi, parlare di Roman Polanski e del suo The Palace, che non sarà a Cannes. “Mi rifiuto – afferma Barbareschi – La Francia è un Paese che dopo il successo straordinario di J’accuse non finanzia più Polanski. Hanno tutti paura … Come dice Roman, uno che è sopravvissuto a Stalin, Hitler, non può sopravvivere ai francesi? Il film è venduto in tutto il mondo tranne in Francia. Lo compreranno, quando uscirà”, ma questo non lo sottrae dal rispondere alla domanda sulla possibile presenza a Venezia: “Penso di sì. In questo Barbera è stato coraggioso l’altra volta. È scoppiato un casino, la psicotica presidente di giuria, Lucrecia Martel, aveva detto ‘non guarderò il film’, ha dovuto scusarsi. In questo l’Italia è un Paese laboratorio, siamo troppo vecchi per diventare così stronzi”. 

GHEZZI APOCALITTICO

Federico Pontiggia sul “Fatto Quotidiano” scrive di come Enrico Ghezzi immortalli Gli ultimi giorni dell’umanità, documentario realizzato con Alessandro Gagliardo, co-prodotto da Luce Cinecittà: presentato a Venezia e ora in sala con la Cineteca di Bologna, il giornalista scrive che Ghezzi “ha fatto del suo archivio privato detonazione immaginifica e documentazione pubblica … La fascinazione è corroborata dalle musiche di iosonouncane e quando ‘il panorama delle vicende umane incontra l’uomo con la macchina da presa’ ecco una partitura per sole immagini, dove io è un altro, e altro è ineluttabilmente cinema. Applausi, anche più di 92 minuti”.

FAST&FURIOUS, ROMA CAPUT MUNDI

Gloria Satta sul “Messaggero” annuncia la super-première mondiale venerdì sera per Fast X, nuovo capitolo della saga, con tutto il cast nella Capitale, dove diverse sequenze – in Via Veneto, sul Lungotevere Aventino, in via dei Fori Imperiali, via Cristoforo Colombo, via dei Coronari, nelle catacombe – sono state girate al grido di “Let’s Race”(gareggiamo), tra inseguimenti, esplosioni, e sequenze d’azione ultra-spettacolari: presenti il regista Louis Leterrier, e gli interpreti Vin Diesel, Michelle Rodriguez, Tyrese Gibson, John Cena, Scott Eastwood, Helen Mirren, Brie Larson, Rita Moreno, Jason Statham e Charlize Theron.

IL CINEMA PUGLIESE SBARCA NEW YORK

L’edizione barese de “la Repubblica” dedica spazio ai propri autori – da Mongelli a Mezzapesa -, dunque locali ma di certo eco nazionale, che saranno celebrati anche nella Grande Mela: da oggi a giovedì il John D.Calandra Italian American Institute, nella City University of New York, ospita “Girando per la Puglia. Rassegna di film pugliesi a New York”, di cui è direttore artistico lo stesso Mimmo Mongella. 6 titoli in cartellone: l’anteprima di Bluerose di Mongelli, di cui anche la proiezione di Block notes, poi Ti mangio il cuore di Pippo Mezzapesa e A classic horror story di Roberto De Feo e Paolo Strippoli, ancora Grande male, opera prima di finzione di Mario Tani, e Il grande spirito di Sergio Rubini. 

autore
09 Maggio 2023

Rassegna stampa

Rassegna stampa

18 luglio 2024, la rassegna stampa

I nuovi vertici di Cinecittà, le interviste a Lone Scherfig, Sergio Castellitto, Silvia D’Amico, David Cage e ai Fratelli D’Innocenzo

Rassegna stampa

Mercoledì 17 luglio, la rassegna stampa

Salvo Nastasi nuovo presidente della Fondazione Cinema, intervista al Sottosegretario Borgonzoni per i 150 anni di Marconi, Giovanni Storti e l'AI, l'ascesa di Glen Powell e il ricordo di Titanus

Rassegna stampa

16 luglio 2024, la rassegna stampa  

Anthony Hopkins sugli artigiani italiani, Valeria Golino e le critiche negative, Abel Ferrara a lavoro su un nuovo film con Willem Dafoe e Asia Argento, Federico Zampaglione contro la censura del suo horror e il nuovo film di Martin Scorsese su Gesù

good-morning-lunedi
Rassegna stampa

15 luglio 2024, la rassegna stampa  

Amos Gitai e la guerra che sopprime i diritti. Generazione Beverly Hills, ’è spenta Shannen Doherty. Bella Thorne dirige la violenza che ha vissuto. Jasmine Trinca è Maria Montessori. Vinicio Marchioni e gli uomini perbene


Ultimi aggiornamenti