4 maggio 2023, la rassegna stampa

Sulla rassegna stampa di oggi troviamo principalmente la scomparsa di Alessandro D'alatri e il ritorno della serie di Gabriele Muccino A casa tutti bene


ADDIO ALESSANDRO D’ALATRI

Tutte le testate dedicano uno spazio, più o meno grande, alla scomparsa del regista Alessandro D’Alatri, celebrandone il lavoro in ambito cinematografico, televisivo e teatrale. Su “La Stampa”, Giovanni Berruti ne ripercorre ampiamente la carriera e lascia lo straziante commento alle voci dello scrittore Maurizio De Giovanni (“gli davi dei sogni e te li restituiva reali”) e dell’attore e regista Alessandro Gassman (“mancherà a tutti noi, gli dobbiamo tanto”). “D’Alatri aveva la capacità di scoprire e valorizzare il talento degli attori. Non si stancava mai di andare a teatro, la curiosità era rimasta intatta”. Scrive, invece, Arianna Finos su “La Repubblica”.

A CASA TUTTI BENE

Domani torna su Sky la serie di Gabriele Muccino, A casa tutti bene, con la sua seconda stagione, e ovviamente se ne parla su tutti i giornali. “Tutti personaggi della mia serie sono degli antieroi, come ce ne sono stati tanti nel nostro cinema. – dichiara il regista a Giulia Bianconi de “Il Tempo” – Personaggi che hanno la consapevolezza di essere degli sconfitti”. Federico Pontiggia su “Il fatto quotidiano” intervista un membro del folto cast, Valerio Aprea, che si concentra sul parallelismo con un regista che conosce bene: il compianto Mattia Torre: “Gabriele e Mattia condividono qualità, sapienza ed eccellenza nel proprio operato che per chi fa il mio lavoro rappresentano una fortuna. Sono entrambi portatori di un talento a cui mi sono abbeverato”.

PUPI AVATI

Su “La Repubblica” troviamo la recensione ad opera di Roberto Nepoti de La quattordicesima domenica del tempo ordinario, il nuovo film di Pupi Avati, premiato per l’occasione con quattro stelle su cinque.” La realtà non è mai all’altezza dei sogni; – scrive Nepoti – l’amore e l’amicizia paiono destinati a finire. Nei decenni passati la voce narrante suggeriva una dolce nostalgia, magari venata di malinconia: ora Avati sembra confrontarsi col rimpianto, raccontando storie di gelosie, di tradimenti, di fallimenti e di ordinaria infelicità che nemmeno il finale può riscattare appieno”.

FRANCESCA LO SCHIAVO

Sul “Messaggero” troviamo l’intervista a firma di Paolo Graldi alla grande scenografa Francesca Lo Schiavo: dagli esordi con Fellini alla vittoria di tre premi Oscar, sempre al fianco del marito Dante Ferretti. “Come dico sempre il momento più felice della nostra unione è quando lavoriamo: un’alchimia. – dichiara Lo Schiavo – Negli anni è stata una crescita costante: non abbiamo neanche bisogno di parlarci, tutto si incastra perfettamente”.

IMMA TATARANNI

In occasione terza stagione di Imma Tataranni – Sostituto procuratore, Silvia Fumarola su “La Repubblica” racconta l’incontro con la stampa, avvenuto in un baretto a Matera. “Non una grande idea”, ammette la giornalista, a causa dei passanti che interrompono la chiacchierata riconoscendo i membri del cast. “Qui è così – racconta la protagonista Vanessa Scalera – e confesso che questo affetto ci riempie il cuore. La serie è piaciuta, propone un modello di protagonista fuori dagli schemi, una donna che è diventata un simbolo senza volerlo diventare”.

KEN LOACH

Su “DomaniLuca Peretti dedica al regista Ken Loach – a breve a Cannes con quello che sarà il suo ultimo film – una lunga e approfondita “biografia non autorizzata”. “Cosa è stato Loach in questi quasi sessant’anni? – si chiede Peretti – Prima di tutto, colui che, probabilmente meglio di chiunque altro, ha raccontato le questioni sociali e la classe operaia inglese, seguendo le sue evoluzioni, vittorie e sconfitte…”.

autore
04 Maggio 2023

Rassegna stampa

Rassegna stampa

18 luglio 2024, la rassegna stampa

I nuovi vertici di Cinecittà, le interviste a Lone Scherfig, Sergio Castellitto, Silvia D’Amico, David Cage e ai Fratelli D’Innocenzo

Rassegna stampa

Mercoledì 17 luglio, la rassegna stampa

Salvo Nastasi nuovo presidente della Fondazione Cinema, intervista al Sottosegretario Borgonzoni per i 150 anni di Marconi, Giovanni Storti e l'AI, l'ascesa di Glen Powell e il ricordo di Titanus

Rassegna stampa

16 luglio 2024, la rassegna stampa  

Anthony Hopkins sugli artigiani italiani, Valeria Golino e le critiche negative, Abel Ferrara a lavoro su un nuovo film con Willem Dafoe e Asia Argento, Federico Zampaglione contro la censura del suo horror e il nuovo film di Martin Scorsese su Gesù

good-morning-lunedi
Rassegna stampa

15 luglio 2024, la rassegna stampa  

Amos Gitai e la guerra che sopprime i diritti. Generazione Beverly Hills, ’è spenta Shannen Doherty. Bella Thorne dirige la violenza che ha vissuto. Jasmine Trinca è Maria Montessori. Vinicio Marchioni e gli uomini perbene


Ultimi aggiornamenti