28 novembre 2023, la rassegna stampa

L’ultimo libro di Paolo Genovese, l’intervista alla 26enne Lavinia Andreini che sogna l’Oscar per il cortometraggio. Paola Cortellesi al Modernissimo di Bologna, la Presidente di Cinecittà sull’uso dell'AI per la catalogazione dell’Archivio Luce, la via dei cinema di Milano sostituita dallo shopping.


Ogni mattina CinecittàNews vi presenta un panorama delle notizie con cui i media seguono il mondo dell’audiovisivo.

CORTELLESI: CRESCIUTA CON I FILM DI MONICELLI, NON MI SONO INVENTATA NIENTE

“Io sono cresciuta con questi film – ha detto la regista presentando Risate di gioia di Mario Monicelli al Modernissimo di Bologna, recentemente riaperto. “Mettere insieme tragedia e commedia, come Monicelli ha fatto in questa pellicola, è sempre stato un mio pallino: sono cresciuta con capolavori come il suo, non mi sono inventata niente”. Poi chiede a Gian Luca Farinelli di replicare anche a Roma l’idea di riaprire i cinema chiusi. “Questo posto è bellissimo, anche Roma è piena di scheletri di cinema. Io vengo da una borgata, andavo al cinema Garden a Trastevere, ora è una sala Bingo”. Repubblica Bologna, Il resto del Carlino. 

PAOLO GENOVESE: RACCONTO COPPIE ‘IN GABBIA’ CHE CREDONO DI AVERE UNA VITA STABILE

“Coppie raccontate attraverso uno degli elementi più importanti della relazione, la scelta di essere o meno genitori”. È il tema de Il rumore delle cose nuove, il nuovo libro di Paolo Genovese, raccontato dallo stesso autore e regista a Ilaria Ravarino in un’intervista sul Messaggero, in cui si parla molto anche del suo noto film campione d’incassi, arrivato a 36 remake. “Se in Perfetti sconosciuti raccontavo i piccoli grandi segreti nascosti nei cellulari – dice Genovese – qui affronto temi più profondi”.

LA PRESIDENTE DI CINECITTÀ CHIARA SBARIGIA: STIAMO RAGIONANDO SU COME L’AI POSSA AIUTARE LA CATALOGAZIONE

“Proprio sul fronte dell’archiviazione stiamo ragionando su come l’AI possa venire in aiuto nella catalogazione degli Archivi del Luce”, afferma la Presidente di Cinecittà in un virgolettato riportato sull’edizione romana de ‘la Repubblica’. “E su come possa essere di contributo nel corso molto avanzato di animazione, avendo però sempre come faro la salvaguardia della creatività umana. La novità riguarda il nuovo teatro che stiamo costruendo: il numero 22 si avvarrà infatti di alcune applicazioni tecnologiche legate proprio all’intelligenza artificiale utilizzate nella motorizzazione per movimentare le complesse scenografie. Ma anche in quel settore, l’etica protezionistica a difesa dei lavoratori è prioritaria”. Lo stesso articolo rende noto che da oggi su RaiPlay è disponibile Cassandra, un cortometraggio realizzato dalla Scuola Holden di Torino e Rai Cinema, primo del suo genere creato da intelligenze umane e artificiali.

LAVINIA ANDREINI: LA PASSIONE PER IL CINEMA? È INIZIATA CON PETER PAN

Sull’’edizione fiorentina de ‘la Repubblica’ un’intervista di Paolo Lazzari a Lavinia Andreini, 26 anni, origini lucchesi e croate, che con il suo ultimo corto, The pursuit of beauty è tra i sei candidati italiani all’Oscar nella categoria “Best live action short film”. L’unico con un team quasi interamente al femminile, sotto i trent’anni. “A 13 anni mi regalarono un dvd di Peter Pan e iniziai a guardarlo tre volte al giorno, per un mese di fila. Era evidente che volessi provare ripetutamente quelle emozioni. Allora mi chiesi se non potevo fabbricarne io di nuove”.

MILANO, C’ERA UNA VOLTA LA VIA DEL CINEMA

Su il Manifesto un articolo di Mariangela Mianiti racconta metro dopo metro una passeggiata nelle vie dello shopping di Milano, intorno a piazza Duomo, dove un tempo non molto lontano al posto dei mille negozi c’erano le sale cinematografiche. L’elenco è lungo e non poco triste: dall’Odeon chiuso che sta per diventare un centro commerciale, poi l’ex cinema Apollo che ora è un Apple store, poi l’Ariston, il corso, l’Excelsior, il Mignon, Il Corallo, il Pasquirolo e l’Astra. “Verrà il giorno in cui, stanchi di decorare ‘il fuori’ – si legge – ci tornerà la voglia di nutrire il dentro. Magari seduti vicini”.

Giovanna Pasi
28 Novembre 2023

Rassegna stampa

La rassegna del venerdì
Rassegna stampa

01 marzo 2024, la rassegna stampa

Naturalmente è la scomparsa di Paolo Taviani a dominare le pagine principali della rassegna di oggi. Ma c'è anche la rinascita di Cinecittà, ben spiegata in un articolo di 'Avvenire'

Rassegna stampa

29 febbraio 2024, la rassegna stampa

L’uscita del biopic tv Margherita delle stelle e le recensioni di Dune - Parte 2 affollano le pagine di spettacolo. Ma ci sono anche le interviste a Jessica Chastain e a Kate Winslet, e agli autori di No Other Land. Poi la pubblicità in arrivo nei film su Amazon Prime e gli articoli sulla rinascita del cinema d’autore e sugli Oscar.

Rassegna stampa

28 febbraio 2024, la rassegna stampa

Le recensioni di Ancora un'estate e Dune - Parte Due. Le star del cinema viste da "Donna Moderna" e "Vanity Fair"

Rassegna stampa

27 febbraio 2024, la rassegna stampa  

Toni Servillo “attore militante” per Caracas; La zona d’interesse come un Grande Fratello; Tom Cruise diretto da Iñárritu; Bellucci, Nastro d’Argento per la sua Callas; Harry Potter diventa serie; Gassmann e Pandolfi: premio Agnes


Ultimi aggiornamenti