11 aprile 2023, la rassegna stampa

​Mario Bros. sbanca il botteghino su “Il Fatto Quotidiano” e non solo; Timothée Chalamet sarà Bob Dylan si legge su “la Repubblica”; su “Il Giornale”, le foto inedite de La ricotta


Ogni mattina CinecittàNews vi presenta un panorama delle notizie con cui i media seguono il mondo dell’audiovisivo.

 L’IDRAULICO PRECARIO RE DEL BOX OFFICE

Più di una testata constata il successo al botteghino del film animato con protagonista Mario Bros., così anche Leonardo Bison su “Il Fatto Quotidiano”Super Mario Bros. – Il film, pellicola “tributo” alla nota serie di videogiochi, prodotta da Nintendo e Illumination (Minions, Cattivissimo me…) sta infatti frantumando, dal primo giorno di uscita (5 aprile), qualsiasi record precedente per un film d’animazione (bye bye Frozen 2), attestandosi saldamente campione d’incassi a livello globale con 377 milioni di dollari fino alla sera di domenica, con gli USA a fare da padrone: lì la produzione – 100 milioni – aveva puntato ad attori noti, come Chris Pratt, Anya Taylor-Joy e Jack Black, per doppiare i personaggi principali. In Italia sono già stati superati i 7 milioni di euro. Nonostante una critica piuttosto fredda, come prevedibile. Il successo è quasi incomprensibile per chi non abbia speso infanzia e adolescenza sui videogiochi della serie, ma la scelta alla base del film è proprio quella di “non curarsi” di loro, “gli agnostici” del gaming, e puntare tutto sui fan.

CHI (FORSE) SI RIVEDE A CANNES

 Un conto alla rovescia breve per conoscere “chi” sarà effettivamente a Cannes 2023, infatti la conferenza stampa ufficiale è fissata per il 13 aprile. Su “Il Foglio”, Mariarosa Mancuso fa il punto delle attese, quasi certezze, con po’ di anticipazioni, indiscrezioni, pettegolezzi. Se le certezze sono Madame du Barry e Killers of the flowers moon, “nella squadra di casa (italiana) c’è il beniamino di Cannes Nanni Moretti, con Il sol dell’avvenire – un regista alle prese con il film più ambizioso della sua carriera (leggero brivido, capita a vedere uno che fa le acrobazie senza rete). E la beniamina Alice Rohrwacher, con La Chimera – ladri di cose etrusche. Molto amati dall’inamovibile direttore Thierry Frémaux – unico cruccio, non aver trovato una donna presidente della giuria, sarà Ruben Östlund – anche Saverio Costanzo, Marco Bellocchio, Matteo Garrone. Tutti non ci staranno” e – precisa Mancuso, per ora “Sono ipotesi”.

TIMOTHÉE CHALAMET SARÀ BOB DYLAN

L’enfant prodige del cinema contemporaneo – ormai attore feticcio del nostro Luca Guadagnino -, ovvero Timothée Chalamet, sarà Bob Dylan in A complete unknown, diretto da James Mangold: così si legge su “la Repubblica”. L’attore avrà un compito arduo: portare sullo schermo una vera icona della musica cantando e suonando le sue canzoni. 

TROISI PER BAVA

Il cinema romano che porta il nome dell’artista napoletano omaggia il regista di genere, così scrive Ro.Petr. sulle pagine cittadine del “Corriere della Sera”: “Al Cinema Troisi è tempo di retrospettive. Mentre è in pieno svolgimento il programma dedicato a Roberto Benigni, nella sala di via Induno, attivissima tra anteprime e proiezioni speciali, l’altra sera il critico cinematografico Marco Giusti e il regista Luca Rea hanno tagliato il nastro della nuova serie di sette proiezioni dedicate al regista Mario Bava, maestro dell’horror scomparso nel 1980”. Il film La maschera del demonio ha aperto la sequenza a cadenza settimanale: tra le pellicole di Bava, tutte firmate negli anni Sessanta, La ragazza che sapeva troppo e Sei donne per l’assassino. 

LA RICOTTA INEDITA

Alessandro Gnocchi su “Il Giornale” annuncia che a Casarsa apre una mostra con le immagini, quasi tutte mai viste, scattate dal grande Paul Ronald sul set de La ricotta di Pasolini. “Ronald, borghese tutto d’un pezzo, dirà di non essersi trovato a suo agio nel contesto. Niente contro Pasolini: anzi, Ronald aggiungerà che proprio lo scrittore-regista si era rivelato sempre gentile e attento. Era l’opera in sé a turbare Ronald. La ricotta in effetti scatenò una forte reazione della censura che prima operò qualche taglio e poi fece ritirare il film dalle sale. Pasolini fu condannato a quattro mesi di reclusione per vilipendio della religione cattolica. Col senno di poi, la cosa rasenta l’incredibile. Il marxista (eretico) Pasolini nella pellicola mostra quanto la sua cultura, formazione, visione del mondo discendessero in linea diretta dal cristianesimo (eretico). Non c’è blasfemia nella storia della miserabile comparsa Stracci che muore realmente in croce dopo un’abbuffata insperata di ricotta sul set dove si sta girando una pellicola sulla Passione di Cristo”. 

PARENTI, RE DELLA RISATA NAZIONALE, SUL SET 

Annamaria Piacentini su “Libero” intervista Neri Parenti, “padre” di Fantozzi e dei Cinepanettoni e ora sul set del suo nuovo film: Volevo un figlio maschio, che uscirà nei cinema in autunno. Si tratta di una commedia adatta a tutta la famiglia che ha come protagonisti Enrico Brignano e Giulia Bevilacqua, genitori di tre figlie. Pensa che oggi essere maschi sia meglio? “Dipende. Io ho sempre stimato le donne. La storia è divertente e ha anche molti passaggi fantasiosi”. Quando gira un film si diverte? “Beh, questa è una storia che mi piace. Ho scritto anche la sceneggiatura e devo dire che girandolo mi sono convinto che la scelta sia stata perfetta. Abbiamo tutti voglia di vivere in allegria, di dimenticare questi ultimi anni bui”. Che emozioni prova su un set un regista come lei che per anni è stato campione di incassi al box office? “E’ sempre bello e gratificante sapere di riuscire ad accontentare il pubblico, scegliendo la storia in cui potersi ritrovare e divertirsi. Spero che accada anche questa volta”.

n/b
11 Aprile 2023

Rassegna stampa

Rassegna stampa

18 aprile 2024, la rassegna stampa

Nella rassegna di oggi, troviamo approfondimenti suoi film in uscita - Civil War e Back to Black -, ma anche interviste a grandi interpreti come Rupert Everett e Vittoria Puccini

Rassegna stampa

17 aprile 2024, la rassegna stampa

Chiara Sbarigia sui 100 anni dell'Istituto Luce, i cinquant'anni di Chinatown di Roman Polanski, il doc di Costanza Quatriglio in uscita nelle sale e Fallout che sta piacendo anche ai fanatici del videogame

good-morning-lunedi
Rassegna stampa

15 aprile 2024, la rassegna stampa

Le interviste a Kirsten Dunst e Massimo Ghini, la moda hollywoodiana dei biopic del rock, Virzì e il concorso di cortometraggi per ragazzi, i trent’anni di Hollywood Party, gli esiti dello scontro sulla governance Disney e le sue possibili conseguenze internazionali.

Rassegna stampa

Venerdì 12 aprile, la rassegna stampa

Il programma di Cannes e l'attesa per Sorrentino, Oppenheimer in Giappone, l'Italia di Ripley e il giovane Berlusconi su Netflix


Ultimi aggiornamenti