‘Una donna chiamata Maixabel’, la lunga strada verso il perdono

Arriva nelle sale italiane il 13 luglio 2023, a oltre un anno dal trionfo ai premi Goya - con tre statuette su quattordici candidature – Una donna chiamata Maixabel,


di Carlo D’Acquisto

Come l’Italia ha avuto i suoi anni di piombo e i suoi martiri di mafia, ogni nazione deve fare i conti con le proprie ferite. In Spagna, ad esempio, le cicatrici provocato dal terrorismo indipendentista basco dell’ETA sono ancora sanguinanti. Arriva nelle sale italiane il 13 luglio 2023, a oltre un anno dal trionfo ai premi Goya (con tre statuette su quattordici candidature, Una donna chiamata Maixabel, il film che prova a riconciliare il popolo spagnolo ancora traumatizzato dalle stragi avvenute a cadenze regolari dagli anni ’70 fino ai primi del nuovo millennio (sono oltre 800 le vittime causate dall’ETA). Il simbolo di questa riconciliazione è Maixabel Lasa, diventata vedova proprio nel 2000, quando suo marito, il politico socialista Juan María Jáuregui, è stato brutalmente ucciso in un ristorante con un colpo di pistola alla testa.

Il film diretto dalla regista spagnola Icíar Bollaín racconta la vera storia di Maixabel, dal giorno dell’attentato al marito fino al recente scioglimento dell’ETA, a cui ha contribuito attivamente con il suo lavoro di attivista e di direttrice dell’ufficio basco delle vittime del terrorismo. In particolare ci si concentra sui cosiddetti “incontri restauratori”: colloqui in cui i terroristi incarcerati e pentiti hanno chiesto di dialogare con le vittime dei loro crimini. Maixabel sarà una delle prime persone a confrontarsi con i criminali che hanno ucciso il suo amato marito e reso orfana di padre la figlia. In effetti, il punto di vista della donna, interpretata da Blanca Portillo, è perfettamente bilanciato da quello di Ibon (Luis Tosar), uno dei due attentatori. Il processo di redenzione offerto dalla prigione – finalmente raccontata come vero luogo di espiazione morale più che come uno di castigo – e il cambiamento di Ibon si muovono in parallelo alla forza della donna, capace di superare il trauma e il lutto, trovando il coraggio di perdonare.

Oltre che sulle coinvolgenti interpretazioni, Una donna chiamata Maixabel si basa sulla solida scrittura dei dialoghi, riuscendo nell’impresa di rendere intensi e memorabili i momenti di confronto tra i vari personaggi. Il finale poi – in cui appare in un cameo la vera Maixabel – ci permette di vivere un momento meravigliosamente straziante che risuona a imperitura memoria di tutte le vittime innocenti della follia terroristica, non solo quella spagnola.

Raffinato e senza fronzoli il lavoro compiuto sui caratteri, coi quali si riesce a empatizzare incondizionatamente: non solo con il personaggio di Maixabel, dunque, ma anche con quello dei suoi interlocutori. Si mette in scena un processo salvifico per tutti loro, tanto più emozionante perché avvenuto realmente. Alla fine del film, è sorprendente rendersi conto che, quando si scava nel dolore e nei sensi di colpa, ritornando alla fonte della nostra umanità, la distanza tra vittima e carnefice è molto più sottile di quanto si possa immaginare

autore
13 Luglio 2023

Uscite

Uscite

’30 anni (di meno)’, Massimo Ghini: “la commedia può e deve essere politicamente scorretta”

Dal 21 agosto al cinema con Plaion Pictures, la prima prova alla regia dello sceneggiatore Mauro Graiani. Nella nuova commedia prodotta da Camaleo in co-produzione con Film District, tre sessantenni si trovano a vivere il sogno di avere trent'anni di meno

Uscite

“Glicked” come “Barbenheimer”?

È Paul Mescal a coniare la nuova parola composta, alla notizia che Il Gladiatore 2 e Wicked usciranno nella stessa data: “Magari la cosa potesse avere l’effetto che ha avuto per Barbie e Oppenheimer!”

Uscite

‘Pericolosamente vicini’, a chi appartiene la natura?

Il problema della convivenza tra l'uomo e l'orso in Trentino e dalle Alpi in un interessante documentario di Andreas Pichler. In sala con Wanted il 26, 27 e 28 agosto

play
Uscite

‘Cattivissimo Me 4’. Un’avventura e una festa con al centro la paternità

Il film, diretto da Chris Renaud, è il quarto capitolo della celebre saga animata


Ultimi aggiornamenti