Premio Gian Maria Volonté 2024 a Sonia Bergamasco

La consegna del riconoscimento “all’eccellenza artistica” il 28 luglio sull'isola de La Maddalena, durante il Festival “La valigia dell’attore”, dove l'attrice interpreta una lettura scenica dedicata a Eleonora Duse, a cui ha dedicato un doc, 'The greatest', sua prima regia cinematografica

Premio Gian Maria Volonté 2024 a Sonia Bergamasco

Nell’ambito della 21esima edizione del Festival “La valigia dell’attore”, la consegna del Premio, assegnato ad interpreti che si siano distinti per il loro contributo significativo al mondo del cinema e del teatro italiano ed internazionale, con particolare attenzione a coloro che mostrano un impegno sociale e politico nelle loro scelte professionali, caratteristiche che hanno contraddistinto la carriera dello stesso Volonté.

Sonia Bergamasco riceve il Premio Gian Maria Volonté 2024 in quanto riconosciuta come una delle attrici italiane più versatili del panorama contemporaneo, che con la dimensione dei suoi tanti talenti – dimostrati in vari contesti e forme dello spettacolo, tra cinema, teatro, musica e televisione – ha saputo costruire una carriera solida e variegata, senza mai perdere di vista la qualità delle sue interpretazioni.

“Il poliedrico repertorio che l’ha vista cimentarsi nell’arte recitativa – dichiara Fabio Ferzetti, che leggerà sul palco della Fortezza I Colmi le motivazioni approfondite del Premio – è un capolavoro di accostamenti stravaganti che farebbe l’invidia di un collezionista del bizzarro. Chi altro ha lavorato, per fermarci al cinema, con Marco Tullio Giordana e con Checco Zalone, con i fratelli Bertolucci (prima Giuseppe poi Bernardo) e con Franco Battiato, con Franco Giraldi e Roberta Torre, con Giuseppe Piccioni e con il trio Cortellesi-Albanese-Milani di Come un gatto in tangenziale 1 e 2? Il problema, si dirà, non sono i nomi, né come sappiamo le dimensioni del ruolo. Il problema è il talento, nel caso di Sonia Bergamasco i tanti talenti. Dove la metti una che fa tutto benissimo, recita, suona, dirige, scrive poesie, fa teatro, se serve tiene anche conferenze sul teatro? … E, come ben sapeva l’autore che forse l’ha amata e valorizzata più di tutti, Giuseppe Bertolucci, ‘Scoprire, giorno dopo giorno, il talento di un’attrice, il tesoro nascosto delle sue possibilità è l’avventura più bella che può capitare a un regista: come all’astronomo il telescopio, che individua un nuovo corpo celeste prima sconosciuto. Eppure era lì da sempre, con quegli occhi da elfo, quel Mozart nella voce… L’ho filmata con ammirazione e felicità. E gratitudine'”.

L’attrice, che ha finito di girare  il nuovo film di Marco Tullio Giordana, La vita accanto, scritto con Marco Bellocchio e Gloria Malatesta, è attualmente sul set insieme a Claudio Santamaria e Anna Ferzetti per le riprese de Il Nibbio, lungometraggio dedicato a Nicola Calipari e diretto da Alessandro Tonda. Novità assoluta è invece, sul grande schermo, il suo debutto come regista per un documentario su Eleonora Duse e sul mestiere dell’attrice, dal titolo The greatest: all’attrice, Bergamasco ha dedicato una lettura scenica che porterà in scena la sera stessa, dopo la consegna del Premio.

Il Premio Gian Maria Volonté è stato creato nel 2005 per onorare la memoria di un attore che ha lasciato un segno indelebile nel cinema italiano e internazionale. Istituito da Felice Laudadio – prima al Festival di Taormina poi a quello di Bari – il Premio è approdato sull’isola di La Maddalena nel 2011. (n/b)

autore
01 Luglio 2024

Premi

Premi

“La Chioma di Berenice”, al via la 25ma edizione del Premio Internazionale Cinearti

In programma il 17 luglio alla Casa del Cinema di Roma. Tra i premi anche il riconoscimento alla carriera di Franco Nero e Nino Celeste

Premi

Tornatore: “Il documentario è libertà”

Il regista premio Oscar, a Gorizia per il premio Amidei, ripercorre con gli studenti le tappe della sua carriera e della realizzazione di Ennio, la sua opera pluripremiata su Morricone

Premi

Isabel Peña a Gorizia per il 43mo Premio Amidei

Con la sceneggiatrice spagnola vincitrice del Premio del Pubblico 2023 con As Bestas è presente anche Giuseppe Tornatore, che riceve il premio all'Opera d'autore

Premi

Premio Cipputi 2024 a ‘Palazzina LAF’ di Michele Riondino

Il riconoscimento ispirato all’iconico operaio disegnato da Altan va al già pluripremiato film sulla crisi dell'Ilva. Tra le motivazioni: “Riondino e Germano ricordano la grandezza di Volonté”


Ultimi aggiornamenti