È morto Jon Landau, storico produttore di ‘Titanic’ e ‘Avatar’

Aveva 63 anni. James Cameron in una lettera in ricordo dell'amico e collega: "Credeva nel sogno del cinema"

È morto Jon Landau, storico produttore di ‘Titanic’ e ‘Avatar’

Lutto a Hollywood per l’improvvisa scomparsa di Jon Landau, storico produttore Fox, sodale di James Cameron, con cui produsse Titanic, Avatar e Avatar: La via dell’acqua; tre titoli nella top5 dei film di maggior successo di tutti i tempi. Landau aveva 63 anni. Ad annunciare la morte è stato il copresidente della Disney Entertainment, Alan Bergman, che non ha però indicato la causa del decesso.

“Ho lavorato con Jon Landau per 31 anni e non l’ho mai visto abbattuto una sola volta. Guidava con un equilibrio di umorismo e volontà ferrea, e con una vera gioia per il lavoro. Quando l’ho conosciuto, era il “manager” dello studio assegnato a supervisionare True Lies nel ‘93. In mezzo all’incubo logistico di quella produzione, abbiamo iniziato a rispettarci e a piacerci. Un legame forgiato nel fuoco”. Così lo ricorda James Cameron in una lunga e sentita lettera diffusa nelle ultime ore sui social.

“Jon era un visionario”, si legge invece nel comunicato di Bergman. “Il suo straordinario talento e la sua passione ha dato vita ad alcune delle storie più indimenticabili sul grande schermo. Il suo notevole contributo all’industria cinematografica ha lasciato un segno indelebile e ci mancherà profondamente. È stato un produttore iconico e di successo, ma era una ancor miglior persona. Una vera forza della natura che ha ispirato tutti coloro che lo circondavano”.

Landau aveva cominciato a lavorare come vicepresidente esecutivo dei lungometraggi alla 20th Century Fox a soli 29 anni, supervisionando grandi successi come Mamma, ho perso l’aereo e il suo sequel, oltre a Mrs. Doubtfire e True Lies, sui quali ha iniziato a lavorare a stretto contatto con Cameron. Tra gli altri indimenticabili titoli che dobbiamo a lui, ci sono produzioni tanto diverse come Solaris di Steven Soderbergh, il successo della Disney del 1989, Tesoro, mi si sono ristretti i ragazzi e quello dell’anno dopo, Dick Tracy, con Al Pacino, Madonna e ovviamente Warren Beatty nei panni del detective protagonista (e dietro la macchina da presa). Aveva una moglie, Julie Landau, e due figli, Jamie e Jodie.

La lettera di James Cameron

Ecco la traduzione completa del lungo omaggio del regista di Avatar.

“Un grande produttore e un grande essere umano ci ha lasciati. Jon Landau credeva nel sogno del cinema. Credeva che il film fosse la massima forma d’arte umana e che per fare film bisogna prima di tutto essere umani. Sarà ricordato tanto per la sua vasta generosità d’animo quanto per i film stessi. Ho lavorato con Jon Landau per 31 anni e non l’ho mai visto abbattuto una sola volta. Guidava con un equilibrio di umorismo e volontà ferrea, e con una vera gioia per il lavoro. Quando l’ho conosciuto, era il “manager” dello studio assegnato a supervisionare True Lies nel ‘93. In mezzo all’incubo logistico di quella produzione, abbiamo iniziato a rispettarci e a piacerci. Un legame forgiato nel fuoco. L’ho convinto a lasciare la Fox per unirsi alla mia società di produzione, Lightstorm, e insieme abbiamo affrontato Titanic, una produzione ambiziosa e apparentemente destinata alla sventura come la nave stessa. Jon ha sopportato il peso della pressione dello studio e ha dato tutto se stesso per fornire il tempo e le risorse necessarie a realizzare il film che vedevo nella mia mente. Da quel momento siamo diventati fratelli d’armi. Credevamo di poter risolvere qualsiasi problema di produzione. La prossima montagna che abbiamo scalato è stata Avatar, una produzione che somigliava più al Progetto Manhattan… inventando nuove fisiche man mano che andavamo avanti. Padroneggiando una metodologia completamente nuova per raccontare storie. Anche in questo caso Jon ha dato tutto se stesso e non ha mai perso la fede che stavamo facendo qualcosa di straordinario e che avremmo in qualche modo prevalso. Nel processo non solo abbiamo creato un film, abbiamo forgiato una famiglia. Jon era il cuore della famiglia di Avatar, con il suo umorismo, la sua generosità e la sua enorme capacità di far sentire le persone apprezzate e “viste”. Ha dato a tutti un senso di scopo e appartenenza. E questo è continuato durante la realizzazione dei sequel. È impossibile esprimere quanto mancherà al nostro gruppo così unito quest’uomo, questa forza della natura… il centro di gravità della nostra piccola bolla dell’universo. Jon ha creato una comunità, una famiglia, su Avatar e alla Lightstorm, ma non a scapito della sua stessa famiglia, che è sempre stata la sua massima priorità. Jon era la mia mano destra e io la sua. Negli ultimi anni siamo diventati un numero da trapezio… totale interdipendenza, totale fiducia, totale sincronizzazione. Non solo siamo diventati i più stretti partner di lavoro, ma i più stretti amici. Il mio ultimo messaggio per lui non è stato solo che lo amavo, ma che mi mancava il nostro dialogo quotidiano. Parlavamo venti volte al giorno, di solito nel suo ufficio, che aveva strategicamente posizionato tra il mio e il set. Risolvevamo ogni problema che si presentava. Jon aveva la forza di dirmi quando sbagliavo, e ho imparato negli anni a fidarmi di lui. Jon amava il suo lavoro, e amava le persone intorno a lui, l’incredibile squadra che aveva costruito. Ogni giorno era una battaglia gioiosa, contro l’entropia – il caos che minaccia di svelare ogni sforzo umano. Il centro sempre saldo, sotto l’occhio vigile di Jon. Abbiamo combattuto insieme attraverso la pandemia per consegnare Avatar: La via dell’acqua. Insieme, pensavamo di poter risolvere qualsiasi cosa. Ma non si può risolvere la fragilità stessa della vita. Sono grato per ogni anno, ogni giorno, ogni minuto che abbiamo passato insieme. Sono grato per la fiducia che aveva in me e per ciò che la nostra collaborazione ci ha permesso di realizzare insieme. Una parte di me è stata strappata via. Ma l’incredibile squadra che ha assemblato e guidato è ancora qui, e ci dedicheremo a portare avanti l’eredità di Jon. Non solo i film che verranno, ma l’amore e la connessione che unisce la famiglia di Avatar e Lightstorm”.

autore
07 Luglio 2024

farewell

farewell

Addio a Cheng Pei-pei, star de ‘La tigre e il dragone’ di Ang Lee

Aveva 78 anni. L'attrice cinese ha recitato in 20 film d'azione ed era soprannominata “Regina delle Spade"

farewell

Morta Yvonne Furneaux, la fidanzata di Mastroianni ne ‘La dolce vita’

L'attrice francese che ha lavorato anche per registi come Dino Risi e Roman Polański aveva 98 anni

farewell

Hassani Shapi, addio all’attore de ‘Il Clandestino’. Aveva 51 anni

L'annuncio sui social dell'amico e collega Edoardo Leo: "Ho passato mesi e mesi accanto ad un uomo adorabile, gentile, discreto e dal sorriso contagioso"

farewell

Addio a James Sikking, tenente di ‘Hill Street giorno e notte’

L'attore statunitense aveva 90 anni. Tra i numerosi ruoli sul grande schermo, quelli del Capitano Styles in Star Trek III - Alla ricerca di Spock (1984) e del direttore Fbi ne Il rapporto Pelican


Ultimi aggiornamenti