Magma Debut, il migliore esordio è ‘Noir Casablanca’

Oltre al premio al film marocchino Kamal Lazraq, al festival dedicato alle opere prime una menzione speciale va al pakistano Joyland’, di Saim Sadiq.

Magma Debut, il migliore esordio è ‘Noir Casablanca’

La violenza delle organizzazioni criminali e l’abisso verso il quale un padre e un figlio sembrano tendere. Una rivoluzione familiare contro il patriarcato che passa attraverso le libertà sessuali. Sono i temi dei due film premiati a Magma Debut, la festa del cinema d’esordio. L’appuntamento dedicato ai lungometraggi è giunto alla sua terza edizione ed è inserito tra le iniziative 2024 di Magma – Mostra di cinema breve, il festival di cortometraggi di Acireale.

Il Premio Debut 2024 è andato al film Noir Casablanca (Francia-Marocco, 2023) di Kamal Lazraq, che racconta una storia dalle tinte cupe. Dib è un capoclan e, durante una lotta tra cani, si è visto umiliare da un avversario. Assolda, quindi, Hassan per vendicarsi del rivale. Hassan chiede aiuto al figlio per svolgere il compito, in una escalation di rischi e precipizi che mettono in luce le doti dei due attori protagonisti, entrambi esordienti sul grande schermo.

La giuria tecnica, composta da Chiara Barbo, Veronica Flora e Massimo Lechi, ha assegnato a Noir Casablanca il Premio Debut per “la maturità stilistica e la precisione di scrittura con cui il regista è riuscito a trasformare una cupa e violenta storia di genere in uno spiazzante racconto morale”.

Al pakistano Joyland, di Saim Sadiq, presentato a Magma Debut in anteprima nazionale, è andata invece una menzione speciale. “Per aver saputo fondere magistralmente denuncia sociale e melodramma in un vivido e indimenticabile affresco familiare”, si legge nelle motivazioni dei giurati.

Joyland è ambientato a Lahore, megalopoli del Pakistan, ma stringe l’obiettivo fino a portarlo dentro a una famiglia: i Rana, la rappresentazione plastica del patriarcato. È in questo contesto che il più giovane dei rampolli, Haider, già sposato, trova lavoro come in un club. Dove lavora come ballerino insieme a una artista trasgender, di cui si innamora. Una storia che deflagra dentro al nucleo familiare, spingendo tutti a esplorare i propri desideri sessuali.

Anche nel 2024 è stata confermata la direzione artistica di Magma Debut al regista, produttore e sceneggiatore Andrea Magnani. Oltre al film vincitore e alla menzione speciale, sono stati proiettati, tra il 24 e il 28 giugno 2024, anche Augure – ritorno alle origini, di Baloji; Upon entry, produzione spagnola diretta da Alejandro Rojas e Juan Sebastián Vásquez; e Io vivo Altrove!, esordio alla regia dell’attore Giuseppe Battiston, commedia ispirata al romanzo Bouvard e Pécuchet di Gustave Flaubert.

Tutte le proiezioni si sono svolte al Cinema King di Catania, con la sola eccezione della serata conclusiva che si è svolta ieri sera in un’Arena Eden gremita, ad Acireale, alla presenza dello stesso Giuseppe Battiston, che ha risposto alle domande del pubblico.

 

Magma Debut è inserito all’interno del cartellone di Magma – Mostra di cinema breve 2024. È realizzato dall’associazione culturale Scarti, in collaborazione con il Comune di Acireale e grazie al sostegno della Regione Siciliana, Assessorato Turismo, Sport e Spettacolo – Sicilia Film Commission. (gp)

autore
01 Luglio 2024

Premi

Premi

“La Chioma di Berenice”, al via la 25ma edizione del Premio Internazionale Cinearti

In programma il 17 luglio alla Casa del Cinema di Roma. Tra i premi anche il riconoscimento alla carriera di Franco Nero e Nino Celeste

Premi

Tornatore: “Il documentario è libertà”

Il regista premio Oscar, a Gorizia per il premio Amidei, ripercorre con gli studenti le tappe della sua carriera e della realizzazione di Ennio, la sua opera pluripremiata su Morricone

Premi

Isabel Peña a Gorizia per il 43mo Premio Amidei

Con la sceneggiatrice spagnola vincitrice del Premio del Pubblico 2023 con As Bestas è presente anche Giuseppe Tornatore, che riceve il premio all'Opera d'autore

Premi

Premio Cipputi 2024 a ‘Palazzina LAF’ di Michele Riondino

Il riconoscimento ispirato all’iconico operaio disegnato da Altan va al già pluripremiato film sulla crisi dell'Ilva. Tra le motivazioni: “Riondino e Germano ricordano la grandezza di Volonté”


Ultimi aggiornamenti