‘Il muro di gomma’ e Rocco Ferrante, indimenticato alter ego di Andrea Purgatori

Il muro di gomma è il film cult del 1991 diretto da Marco Risi, incentrato sulla strade di Ustica. Il protagonista Rocco Ferrante (Corso Salani) è ispirato alla figura di Andrea Purgatori


43 anni fa, vicino a Ustica, avvenne una delle stragi aeree più celebri e controverse della storia del nostro paese. Una vicenda complessa e ricca di contraddizioni che è stata sviscerata soprattutto da un autore: Andrea Purgatori. Il giornalista, sceneggiatore e autore appena scomparso è diventato celebre negli anni ’80 per le sue numerose inchieste dedicate a Ustica, permettendoci di andare a fondo a una verità che in molti volevano tenere nascosta.

Nel 1991 questa storia decennale è diventata un racconto per il grande schermo, incarnato nel personaggio di Rocco Ferrante, alter ego cinematografico di Purgatori con il volto dell’indimenticato attore Corso Salani, anch’egli deceduto improvvisamente nel 2010, a soli 48 anni. Il titolo del film è Il muro di gomma, chiaro riferimento alle parole dell’avvocato Giordani che descrivono l’omertà che per anni ha impedito alle indagini di progredire: “dopo anni e anni per la prima volta uno squarcio si apre in questo muro di omertà, in questo muro di gomma”. Purgatori firmò il soggetto (premiato in seguito con il Nastro d’Argento) e la sceneggiatura (insieme a Sandro Petraglia e Stefano Rulli), mentre la regia venne affidata a Marco Risi, che per la sua direzione otterrà un Ciak d’oro. La colonna sonora è firmata da Francesco De Gregori.

Presentato con successo alla 48ma Mostra del Cinema di Venezia, il film è diventato presto un cult soprattutto grazie alla figura del suo protagonista. Rocco Ferrante, infatti, rappresenta un modello di giornalista completamente dedito alla causa, che prima entra in empatia con le vittime e poi dedica tutto se stesso per la ricerca ossessiva della verità. Instancabile, inarrestabile, nonostante i pericoli e le insormontabili difficoltà. Un eroe dei nostri giorni, che mette al servizio della comunità le sue capacità di giornalista d’inchiesta e di narratore, per impedire che i colpevoli di una terribile strage rimangano impuniti. Ne Il muro di gomma, verità e finzione, realtà e rappresentazione comunicano in continuazione, permettendo al pubblico di conoscere e, soprattutto, comprendere tutti i dettagli di una vicenda tragica che si concluderà solo nel 2011 con la prima condanna in favore dei parenti delle vittime.

Il personaggio di Rocco Ferrante resta ad oggi la più vivida rappresentazione di ciò che è stato Andrea Purgatori per il mondo del cinema e, soprattutto, del giornalismo. Un professionista apprezzato dal pubblico e dai colleghi per la sua preparazione, il suo coraggio, la sua ironia e la sua lucida visione del mondo. Un punto di riferimento per coloro che negli ultimi 30 anni hanno provato a cimentarsi nell’affascinante quanto infida professione del giornalista d’inchiesta.

di Carlo D’Acquisto

autore
19 Luglio 2023

farewell

farewell

Morta Shelley Duvall, l’attrice di ‘Shining’ aveva 75 anni

Leggendaria nel film di Stanley Kubrick, recitò anche in sette pellicole dirette da Robert Altman. È venuta a mancare nel sonno nella sua casa in Texas

farewell

È scomparso Benji Gregory, ex baby star della serie ‘ALF’

Era Brian Tanner nella sitcom tv di successo negli Anni ’80: aveva 46 anni e l’annuncio della morte è stato diffuso dalla sorella, che parla di “colpo di calore”

farewell

È morto Jerzy Stuhr, attore per Kieslowski, Wajda e Moretti

Tra i più popolari, influenti e versatili registi e interpreti polacchi. Aveva 77 anni. Una vita tra cinema, teatro, tv e accademia

farewell

Addio a Bruno Zanin, il ‘Titta’ di Amarcord di Fellini

Aveva 73 anni. Diventò attore per caso nel 1973, capitando a Cinecittà: “Gironzolando per lo Studio 5, mi ritrovai in una coda di ragazzini, dopo una settimana ero sul set del film”, aveva raccontato in un'intervista a 'La Stampa'


Ultimi aggiornamenti