‘El ladrón de perros’, la co-produzione italiana da Tribeca a Giffoni

L’anteprima nazionale del film di Vinko Tomicic, co-prodotto con Movimento Film, in Concorso al Festival campano: un coming of age ambientato a La Paz, con Alfredo Castro, volto iconico del cinema latinoamericano

‘El ladrón de perros’, la co-produzione italiana da Tribeca a Giffoni

El Ladrón de perros (Ladro di cani) del cileno Vinko Tomicic arriva in Concorso a Giffoni nella sezione Generator +16: è un’anteprima italiana per il film, presentato nel suo debutto mondiale al Tribeca Film Festival a New York, e già in Concorso alla 39esima edizione del Festival di Guadalajara in Messico.

El Ladrón de perros è frutto di una co-produzione internazionale che vanta la presenza dell’Italia e della Movimento Film di Mario Mazzarotto con Francesca van der Staay. L’Italia è accanto a Bolivia, Cile, Messico, Ecuador e Francia.

Il film, opera seconda di Vinko Tomicic, classe 1987, è un coming of age ambientato a La Paz in Bolivia. Con semplicità narrativa racconta, in modo intimo e toccante, la vita dell’orfano Martín e il suo peregrinare per le labirintiche strade della capitale boliviana, tra ripide salite e lunghe discese. Il paesaggio urbano diventa una metafora delle sfide che il tredicenne deve affrontare. Nel film il giovane protagonista, per la prima volta sullo schermo, è affiancato da Alfredo Castro, volto iconico del cinema latinoamericano.

Tutte le mattine Martín, lustrascarpe di professione, cammina percorrendo i ripidi vicoli verso il centro della città. L’infanzia è per lui un lontano ricordo e, come tutti i suoi colleghi, indossa un passamontagna per nascondere il viso ed evitare così ogni forma di discriminazione. Martín condivide una stanza con l’amico Sombras, suo compagno di sventure ed entrambi sono ospitati di nascosto nella casa di una anziana aristocratica grazie al sostegno della domestica. La loro condizione è precaria e il suo animo tormentato dal desiderio di una vita migliore ma la sua sofferenza più grande è legata al fatto di non avere genitori. Da tempo sospetta che uno dei suoi clienti migliori, il signor Novoa, sia suo padre. L’uomo è un sarto solitario molto devoto al suo pastore tedesco, Astor, che tratta come un figlio. Martín escogita un piano: rubare Astor per avvicinarsi al signor Novoa, con la speranza di ottenere finalmente il riconoscimento paterno. (n/b)

 

autore
28 Giugno 2024

Giffoni 2024

Giffoni 2024

‘La bicicletta di Bartali’ in Concorso a Giffoni, con la voce di Tullio Solenghi

L’animazione, in competizione nella sezione Elements +10, nasce da un’idea di Israel Cesare Moscati, ed esce nelle sale italiane il 1 agosto 2024 distribuita da Lynx Multimedia Factory. La canzone di chiusura è scritta e interpretata dall’artista israeliana Noa

Giffoni 2024

#Giffoni54 e l’illusione della distanza con Borghi, Golino e Muccino

Dal 19 al 28 luglio, tra gli ospiti, Giovanna Mezzogiorno, Claudia Pandolfi, Paolo Bonolis; le serie Sul più bello e Tutto chiede salvezza 2. Un incontro su AI con padre Benanti, consigliere di Papa Francesco. 5000 juror da 33 Nazioni, oltre 100 film in competizione, 50 registi internazionali: 5 anteprime, 26 Eventi Speciali

Giffoni 2024

Giffoni Film Festival 2024

Dal 19 al 28 luglio la 54sima edizione del festival tra proiezioni, anteprime, incontri con celebrità e dibattiti su temi cruciali.

Giffoni 2024

‘Gormiti – The New Era’, première mondiale al Giffoni Film Festival

L’edizione #54 della rassegna di cinema per ragazzi ospiterà sabato 20 luglio la proiezione in esclusiva del primo episodio della serie, preceduta dalla masterclass di Iginio Straffi, fondatore di Rainbow


Ultimi aggiornamenti